Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

20/05/2013

Pari opportunità e contrasto alla violenza, premiazione del concorso rivolto alle scuole

Mercoledì 22 maggio alle 11.30 in sala degli Stucchi

Mercoledì 22 maggio alle 11.30 in Sala Stucchi a Palazzo Trissinosi terrà la cerimonia di premiazione del concorso rivolto alle scuole superiori di città e provincia per sensibilizzare i giovani sui temi delle differenze di genere - gli stereotipi, i pregiudizi, la violenza fisica e psicologica - e promuovere la loro partecipazione nell’espressione di idee e contenuti attraverso forme creative diverse.
Alla premiazione saranno presenti un rappresentante dell'amministrazione comunale, la presidente della commissione provinciale pari opportunità, Ornella Galleazzoe la rappresentante dell'associazione Donna chiama Donna, Luciana Giuriolo.
L’iniziativa è stata promossa dalla commissione provinciale per le pari opportunità, che già nel precedente anno scolastico aveva realizzato un progetto per il contrasto alla violenza, e dalla commissione per le pari opportunità del Comune di Vicenza, in collaborazione con l’associazione Donna chiama Donna onlus che gestisce lo sportello QUIDonna ed il Centro comunale Antiviolenza.
Il concorso, che rientra anche nel progetto regionale “Ascoltodonna: lo sportello a servizio del territorio” che il Comune ha realizzato con lo sportello QUIDonna, ha previsto da parte degli studenti la produzione di opere figurative e narrative sui temi delle differenze di genere e di contrasto alla violenza, allo scopo di informare, sensibilizzare e stimolare il dialogo tra i giovani su questi argomenti.
Per partecipare al concorso gli studenti hanno avuto la possibilità di realizzare produzioni artistiche finalizzate a campagne di sensibilizzazione/informazione (loghi, sfondi, vignette, idee di progettazione grafica complessiva) e testi narrativi per campagne di sensibilizzazione/informazione (testo per manifesti, locandine, testo illustrativo, slogan, idee di progettazione grafica complessiva).
Le opere presentate sono complessivamente 14, di cui 12 realizzate da studenti singoli e 2 da intere classi.
Sei sono le scuole rappresentate: quattro della provincia, gli istituti Brocchi di Bassano, Scotton di Breganze, Trentin di Lonigo e Garbin di Schio e due della città, gli istituti Da Schio e Fogazzaro.
Il bando prevedeva l’attribuzione di cinque premi in denaro per fini di studio aggiudicati da una giuria appositamente costituita.
Il primo premio di 1.000 euro è stato assegnato alla classe quarta C dell’IPSIA “Scotton” di Breganze con l’opera grafica “Stop alla violenza” che ha ottenuto un punteggio di 100 su 100.
Il secondo premio di 800 euro (punteggio di 90 su 100) è stato consegnato allo studente Andrea Bressan dell’ITAS “A. Trentin” di Lonigo con l’opera grafica “Noi ci siamo”.
Altri tre studenti si sono aggiudicati i premi successivi: 600 euro sono stati assegnati a Silvia Bunicci dell’IPSIA “G.B. Garbin” di Schio con l’opera narrativa “Una tra tante” (punteggio di 85 su 100, terzo premio); il quarto premio di 400 euro (punteggio di 80 su 100) è stato attribuito ad Anna Biondaro dell’ITAS “A. Trentin” di Lonigo con l’opera grafica “Silenzio interrotto”; infine il quinto premio di 200 euro (punteggio di 75 su 100) è andato a Martina Baraldo del Liceo statale “Don L. Fogazzaro” di Vicenza con l’opera grafica “Non alzare le mani. Stringile!”.
La giuria ha anche ritenuto di attribuire una menzione speciale, per la qualità del materiale presentato, all’elaborato della classe terza AC del liceo ginnasio statale “G.B. Brocchi” di Bassano che ha realizzato il video “Non una di più”, escluso dalla graduatoria perché arrivato fuori termine. Il video, visionato dagli operatori del Centro comunale Antiviolenza di Vicenza - CeAv, è stato ritenuto interessante ed utile anche per l’attività di informazione e sensibilizzazione svolta dal centro nelle scuole. Per questa ragione, il CeAv ha deciso di attribuire un proprio riconoscimento di 150 euro alla classe che collegialmente lo ha realizzato.
I materiali prodotti saranno a disposizione della Provincia e del Comune che potranno utilizzarli per la realizzazione di iniziative promozionali sui temi delle pari opportunità e della violenza, ma potranno essere utilizzati anche dal CeAv sia per l’eventuale reperimento tra i lavori presentati del proprio logo, che per le proprie attività di sensibilizzazione o per la produzione di materiali divulgativi.

Le classi che hanno partecipato al concorso

- terza AC del liceo ginnasio statale “G.B. Brocchi” di Bassano con il video “… non una di più” arrivato oltre il termine;

- quarta C dell’IPSIA “A. Scotton” di Breganze con l’opera grafica “Stop alla violenza”.

Gli studenti che hanno partecipato singolarmente

- Andrea Bressan dell’ITAS “A. Trentin” di Lonigo con l’opera grafica “Noi ci siamo”;

- Silvia Bunicci dell’IPSIA “G.B. Garbin” di Schio con l’opera narrativa “Una tra tante”;

- Anna Biondaro dell’ITAS “A. Trentin” di Lonigo con l’opera grafica “Silenzio interrotto”;

- Martina Baraldo del Liceo statale “Don L. Fogazzaro” di Vicenza con l’opera grafica “Non alzare le mani. Stringile!”;

- Melania De Agnoi del liceo ginnasio statale “G.B. Brocchi” di Bassano con l’opera grafica “Educhiamoci alle pari opportunità”;

- Asia Bressan dell’IPSIA “G.B. Garbin” di Schio con l’opera narrativa “Una nuova vita per la donna”;

- Melissa Comodo dell’IPSIA “G.B. Garbin” di Schio con l’opera narrativa “”Ribellati”;

- Giulia Valerio dell’IPSIA “G.B. Garbin” di Schio con l’ opera narrativa “Cara Flavia”;

- Alberto Contarini dell’ITAS “A. Trentin” di Lonigo con l’opera narrativa “Tramonto della violenza sulle donne”;

- Katarina Jovanovic dell’ITAS “A. Trentin” di Lonigo con l’opera grafica “Logo CeAv antiviolenza”;

- Krizia Tamiozzo dell’IIS “A. Da Schio” di Vicenza con l’opera grafica “Chi ti fa violenza ti annulla”;

- Barbara Roberto del Liceo statale “Don L. Fogazzaro” di Vicenza con l’opera grafica “Dire basta non basta”.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza