Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

14/03/2013

“Identità precarie”, alla ricerca del proprio io: sabato 16 marzo al teatro Spazio Bixio

Chi siamo? Le persone cercano la propria identità attraverso quello che fanno, per poi darsi e dare ragione e sostanza di ciò che sono? Gli interrogativi verranno affrontati nello spettacolo Identità precarie, drammaturgia di Amanda Spernicelli e regia di Nicolas Ceruti, in programma sabato 16 marzo alle ore 21 al Teatro Spazio Bixio (in via Mameli 4 a Vicenza), nell’ambito della 7a edizione della rassegna Teatro Elemento Naturalmente diversi.
Da questi spunti, e da “Jimmi, creatura di sogno”, lavoro teatrale di Marie Brassard, inizia il percorso di ricerca di Ilinx officine artistiche, attraverso il quale scandagliare la materia dell’identità, vastissima e controversa, in relazione al tema della precarietà, caratteristica molto evidente della società contemporanea, dove ognuno può crearsi una serie d’identità spesso fittizie, costruite a tavolino, digitali, virtuali, televisive, in generale precarie. La precarietà è una condizione, nella nostra società, che sta diventando esistenziale, oltre che reale e presente in vari aspetti della vita quotidiana: il lavoro, le relazioni, la casa. La propria identità non dipende solo dalla propria volontà. È legata alla propria storia, al proprio luogo, alle proprie radici. Non essere radicati in una cultura genera delle difficoltà sulla propria identità. L’identità reale ha uno spessore e un radicamento che l’identità costruita non ha (un’identità precaria). Ne abbiamo esempio negli innumerevoli contratti a progetto, a tempo, a scadenza, a ore; i sentimenti e le relazioni fluttuanti all’interno di un mondo mass-mediatico, dominato da reality show di ogni sorta e grado; le difficoltà economiche di persone e famiglie non più relegate a una povertà lontana dai nostri occhi.
Gli Hikikomori, i ragazzi giapponesi che vivono da soli nelle loro stanze e hanno contatti con il mondo e ciò che gli sta intorno solo via web. Parcellizzarsi all’infinito in social network, in avatar all’interno di videogiochi. La scena è il luogo sulla quale si muovono personaggi alla ricerca di un nome, di una nuova identità. Duellanti perenni che si sfidano per trovare la loro personale e momentanea ragion d’essere, ricerca della supremazia, forse a volte solo ricerca di un termine di paragone con cui misurarsi. Il sogno che è stato mezzo e strumento di volta in volta d’evasione, di speranza, di divinazione, d’interpretazione, diventa qui l’unico luogo dove l’identità di una persona non è precaria, instabile, priva di certezze, come invece lo è nella vita reale.
La stagione allo Spazio Teatro Bixio è realizzata con il Comune di Vicenza, il sostegno della Regione Veneto, Fondazione Antonveneta e un piccolo supporto di Anthea, e vede il patrocinio dell’Amministrazione Provinciale, la collaborazione con Rete Veneta Piccoli Spazi Teatrali, TVA Vicenza e Biblioteca Civica Bertoliana.
Biglietto intero 10,00 €, ridotto 8,00 €. E’ consigliata la prenotazione al nr. 345/7342025.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza