Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

11/12/2012

Election day, il sindaco Variati: “Accorpare le comunali alle politiche"

"E' l’unica scelta possibile per non sprecare milioni di euro. Raddoppiare i costi delle elezioni sarebbe una follia”

“Accorpare le elezioni comunali a quelle politiche negli stessi giorni? È l’unica scelta sensata per non sprecare centinaia di milioni di euro a livello nazionale e centinaia di  migliaia di euro a livello locale. Bocciare l’election day sarebbe un’autentica follia”.
Il sindaco Achille Variati prende posizione mentre si discute della data delle elezioni politiche, tra la metà e la fine di febbraio, e del possibile “election day” che porterebbe i cittadini alle urne negli stessi giorni (le date più probabili sono il 17-18 febbraio oppure il 24-25 febbraio) anche per scegliere l’Amministrazione comunale di Vicenza e in altri 600 e più Comuni italiani.
“Certamente una data così ravvicinata creerebbe qualche problema alle Amministrazioni comunali – spiega Variati – ad esempio per la chiusura dei bilanci o per il completamento di opere e progetti. Io stesso e la mia Amministrazione non riusciremmo a portare a termine alcuni progetti per mancanza di tempo, concludendo il mandato con due mesi di anticipo rispetto ai 5 anni pieni previsti dalla legge. Ma in questo momento di grave crisi economica che attanaglia l’economia mondiale, l’Europa e il nostro Paese, con le famiglie che non arrivano a fine mese come ci dicono segnali sempre più preoccupanti anche a Vicenza, credo che debba prevalere il senso di responsabilità e non si debba nemmeno discutere più di tanto: non si possono sprecare così tanti soldi per andare a votare due volte. Raddoppiare i costi sarebbe una scelta ingiustificabile: non possiamo permettercelo”.
“Inoltre, il costo delle elezioni locali – conclude il sindaco - è completamente a carico dell’Amministrazione locale e non viene rimborsato dallo Stato. Si tratta di una spesa che è quantificata in 400.000 o 500.000 euro per il bilancio comunale. Soldi che verrebbero letteralmente sprecati, quando invece potrebbero essere usati per il bene della città e della comunità”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza