Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

09/11/2012

Assestamento di bilancio: Vicenza Comune virtuoso, in arrivo tre milioni di euro

La giunta comunale questa mattina ha predisposto la delibera di assestamento del bilancio che, come prevede la legge, andrà approvata entro il 30 novembre.

Buone notizie sulla parte 'Entrate' – ha subito annunciato soddisfatto il sindaco Achille Variati, presentando le novità -. Possiamo infatti contare su 450 mila euro di trasferimenti erariali in più rispetto alla fosche previsioni di alcuni mesi fa, cifra che rimane al Comune anziché essere tagliata come era stato annunciato dal Governo con la spendig review: anche in seguito alla protesta dei sindaci, infatti, il Governo ha recentemente optato per obbligare piuttosto i Comuni a utilizzare quella somma per estinguere mutui”.

Ma soprattutto – ha annunciato Variati - avremo quasi certamente un premio di 3 milioni di euro perchè, nell'ambito del patto di stabilità orizzontale nazionale, nei mesi scorsi avevamo 'prestato' allo Stato circa 3 milioni di euro, affinchè potesse aiutare i Comuni in difficoltà. Lo Stato quindi, oltre a restituirci la somma come capacità di spesa per 1,5 milioni di euro nel 2013 e altrettanti nel 2014, ci premierà quasi sicuramente come ente virtuoso, con 3 milioni di euro di contributo cash, a patto che tale somma venga destinata alla diminuzione del debito. Ciò significa che potremo estinguere mutui per circa 3.450.000 euro, che produrranno dall'anno prossimo almeno 400 mila euro di risorse da spendere in servizi anziché in mutui”.

Nell'assestamento di bilancio compare un'altra operazione significativa che discende dall'introduzione dell'Imu. “Lo Stato – ha spiegato il sindaco - aveva inizialmente garantito ai Comuni lo stesso gettito che avevano con l'Ici. Peccato però che per il Comune di Vicenza abbia sbagliato previsioni, sovrastimando il gettito per 1.019.000 euro. Per questo abbiamo deciso di iscrivere a bilancio il mancato introito come credito nei confronti dello Stato e un corrispondente fondo svalutazione crediti. Ciò ci permette eventualmente di muovere un'azione legale nei confronti dello Stato, che non si è comportato correttamente dal punto di vista contabile, nonostante la pari dignità istituzionale tra Stato e Comuni”.

Tra le altre operazioni inserite nell'assestamento di bilancio, inoltre, il sindaco ha evidenziato le operazioni in conto capitale che prendono le mosse dalla mancata realizzazione di due opere annunciate in seguito all'incasso dei ricavi dalla vendita delle quote autostradali. La prima è la continuazione della pista ciclabile su via Cairoli per 270 mila euro: “Nonostante sia tutto pronto – ha spiegato Variati -, non ho dato il via perchè le prove semaforiche hanno evidenziato la non sostenibilità di una pista ciclabile che comporterebbe la riduzione della carreggiata ad una corsia in uscita su viale Mazzini, almeno finchè non verrà realizzata la rotatoria davanti al teatro con l'abbattimento della casa ex Busato, come è nelle nostre previsioni: avremmo creato un problema notevole di viabilità, e quindi la realizzazione del progetto slitta al 2013”.

L'altro progetto che l'amministrazione non può chiudere è il ristorante sul Teatro comunale per una spesa prevista di 350 mila euro. “Sono infatti sorti dei problemi con lo studio dell'architetto Valle – ricorda il sindaco - che rivendica un'esclusiva sul disegno e sull'opera. Su nostro invito, l'architetto ha quindi proposto una soluzione esterna al teatro, lungo il muro della piazza antistante, che però non condivido: non ha senso dover uscire dal teatro per recarsi al ristorante e a quel punto non compete certo ad un'amministrazione comunale costruire un ristorante, ma semmai un servizio che arricchisca la struttura; inoltre noi pensiamo invece di allargare in futuro la piazza per dare maggiore respiro al teatro, che attualmente appare un po' soffocato”.

I mancati investimenti in queste due progetti consentono quindi all'amministrazione di recuperare soldi per alte opere: 190 mila euro andranno all'acquisto del terreno e alla realizzazione del primo stralcio del parcheggio di viale Trieste, prima delle sbarre del passaggio a livello in prossimità della stazione ferroviaria di Anconetta; 40 mila euro andranno al mercato ortofrutticolo per fornire il fresco in città; e 450 mila euro per la realizzazione di ulteriore scala interna di accesso alla terrazza della Basilica palladiana, per dare maggiore funzionalità alla stessa terrazza e alla Domus comestabilis. “I due spazi sono oggi raggiungibili solo da una scala piuttosto ridotta e da un ascensore – ha commentato il sindaco -, riducendo così il numero di ospiti che possono usufruire della terrazza. Contiamo di avere pronto entro l'anno il progetto approvabile dalla Soprintendenza”.

Tra le altre operazioni segnalate dal sindaco: 300 mila euro destinati alla realizzazione di spogliatoi che vengono dirottati dal palazzetto dello sport alla nuova tensostruttura di Ospedaletto, e 218 mila euro che andranno in manutenzioni straordinarie, le cui principali riguarderanno la messa in sicurezza del polo di S. Biagio e la realizzazione dei parapetti di ponte Pusterla.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza