Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

09/03/2012

“Niente cultura, niente sviluppo”, l’assessore Lazzari aderisce al Manifesto per una Costituente della Cultura del Sole 24 Ore

Occorre una rivoluzione copernicana e un cambio di marcia che riporti la cultura al centro dell’azione di governo: i beni culturali e l’intera sfera della conoscenza devono tornare a essere determinanti per il consolidamento di una sfera pubblica democratica, per la crescita reale e per la ripresa dell’occupazione. Questo il senso del Manifesto per una Costituente della Cultura pubblicato sul Sole 24 Ore domenica 19 febbraio, e che ha già raccolto un vasto consenso, riunendo firme prestigiose del mondo della cultura e non solo (Claudio Abbado, Salvatore Settis, Dacia Maraini, Vicenzo Cerami per citarne solo alcuni), oltre al sostegno di migliaia di privati cittadini. Cinque i punti affrontati dal documento al fine di riattivare il “circolo virtuoso tra conoscenza, ricerca, arte, tutela e occupazione”: dalla creazione di una costituente per la cultura alla necessità di strategie di lungo periodo, dalla cooperazione fra i ministeri alla promozione dell’arte e della cultura scientifica nelle scuole, per concludere con meritocrazia, complementarità pubblico-privato, sgravi ed equità fiscale.

“Occorre un segnale forte da parte del governo, cui si accompagni una parallela mobilitazione dell’intera società civile, che riconosca alla cultura la sua centralità e il suo ruolo di motore di sviluppo e di civiltà, quale forma di educazione all’arte e alla bellezza dei luoghi, verso una migliore tutela dell’ambiente e del paesaggio (naturale e urbano, antropizzato), in quanto elemento costitutivo dell’identità del nostro Paese” - dichiara l’assessore alla cultura Francesca Lazzari all’indomani della sua adesione convinta al documento programmatico in cinque punti pubblicato sul supplemento domenicale del Sole 24 Ore del 19 febbraio scorso -. “Le risorse spese in azioni di diffusione della cultura - intesa in senso lato come strumento di conoscenza, d’innovazione e d’istruzione - producono infatti ricadute significative anche in termini di sviluppo, nell’accezione più ampia del termine, che comprende: economia, società, qualità della vita civile e senso delle istituzioni. In questo scenario le città, e quindi le amministrazioni locali che hanno precise responsabilità di governo, devono diventare laboratori viventi per ripensare il futuro e per guidare il cambiamento”.

 

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza