Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

24/05/2011

Arrivano domani in una pensione della città i 15 profughi di Foza: l’obiettivo è riunire al più presto tutti i 35 stranieri in un’unica sede diversa dall’istituto Salvi

Arriveranno in città domani pomeriggio i 15 nuovi profughi fuggiti dalla Libia, assegnati dalla prefettura a Vicenza. Si tratta del gruppo che era ospitato a Foza e che, sommato ai 20 già accolti all’istituto Salvi, porta a 35 il numero di profughi destinati alla città.

Tredici dei nuovi immigrati provengono dal Ghana, uno dal Benin e uno dall’Uganda. Parlano prevalentemente inglese, sono tutti maggiorenni piuttosto giovani, 13 con età tra i 19 e i 35 anni, uno di 37 anni e un altro di 47 anni. Non servirà farli visitare dai medici dell’ospedale San Bortolo, perché sono già stati sottoposti a controllo medico a Bassano del Grappa.

La prefettura ha organizzato la loro prima permanenza in una pensione della città, ma l’obiettivo è spostarli al più presto in un’altra struttura, diversa dal Salvi, che possa ospitare entrambi i gruppi. Fin da giovedì sarà organizzata un’attività quotidiana comune in una sede unica e dalla settimana prossima tutti i 35 stranieri saranno ospitati in una stessa struttura anche durante la notte.

Si sta occupando di pianificare l’integrazione dell’accoglienza il gruppo di lavoro costituito da subito dall’amministrazione comunale. Oggi si sono uniti al gruppo anche una psicologa messa a disposizione della prefettura e la Caritas diocesana.

In questura, nel frattempo, dovrebbero aver inizio al più presto i colloqui individuali che completeranno la procedura di identificazione degli stranieri per il rilascio del permesso provvisorio in attesa dell’esito dell’istanza di rifugiato politico.

Dalle informazioni fin qui fornite al Comune di Vicenza dovrebbe fermarsi a 35 il numero di uomini adulti ospitati in città, mentre rimarrebbe ancora possibile l’arrivo di donne e bambini in strutture religiose.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza