Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

08/04/2011

150° Unità d’Italia: nuove opere esposte alla mostra “Studenti d’Italia” in piazza San Lorenzo e nel cortile di palazzo Trissino

Tre splendide opere, ispirate ad altrettanti articoli della Costituzione italiana e realizzate dagli studenti dell’indirizzo grafico dell’istituto Montagna, sono le ultime acquisizioni, in ordine di tempo, della mostra mobile “Studenti d’Italia”, allestita da Comune di Vicenza e comitato Vicenza-Italia 150 nell’ambito delle celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia.

Queste tre invenzioni, dedicate agli articoli 1, 4 e 11 della Carta su cui si fonda la Repubblica, vanno ad aggiungersi alle altre ventidue già mostrate in pubblico per un nuovo weekend di esposizione integrale di “Studenti d’Italia”. L’appuntamento è per sabato 9 aprile, dalle 11 alle 18 in piazza San Lorenzo, e per domenica 10 aprile, dalle 15.30 alle 19, nel cortile di palazzo Trissino, sede del Comune, al numero 98 di corso Palladio.

Venticinque sono dunque i lavori che, eseguiti da gruppi di studenti delle scuole medie e superiori di Vicenza, vengono esposti utilizzando come supporti altrettanti cartelli stradali, messi a disposizione da Aim Valore Città. La collaborazione all’iniziativa prestata dall’azienda multiservizi cittadina si è rivelata fondamentale, alla pari di quelle offerte da convento di San Lorenzo, parrocchia dei Carmini e commercianti dell’associazione Portici di Corso Fogazzaro (strada in cui molte vetrine sono state animate da altri lavori “da camera” sullo stesso tema, proposti da classi dell’istituto Boscardin).

Una visita a “Studenti d’Italia” diventa occasione stimolante per confrontare le molteplici modalità con cui le ultime generazioni interpretano e metabolizzano culturalmente un patrimonio iconografico di 150 anni di storia patria, spaziando dall’epopea garibaldina alla moda della Belle Epoque, dalle oscure vicende di Bronte alle radici della toponomastica cittadina, dai principi della Costituzione all’800 rivisitato in chiave di storia locale.

Durante le due giornate di mostra sarà possibile imbattersi in gruppi di studenti-autori, coinvolgibili come “guide” dell’iniziativa. Le scuole di “Studenti d’Italia” sono le medie Barolini, Calderari, Maffei, Mainardi e Muttoni, e gli istituti superiori Boscardin, Fogazzaro, Lioy, Montagna, Patronato Leone XIII, Rossi.         

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza