Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

03/02/2011

Variati sulla “bocciatura” del federalismo in Bicamerale: “Ai sindaci non interessano le schermaglie dei partiti: vogliamo solo strumenti per poter garantire i servizi essenziali ai nostri cittadini"

"Il rischio è che la medicina arrivi a paziente morto”

“Alla stragrande maggioranza dei sindaci interessano gran poco le logiche proprie dei partiti e le battaglie politiche in corso a Roma – commenta il sindaco Achille Variati, nella veste anche di presidente dell’Unione tra i Comuni della provincia di Vicenza, alla notizia della ‘bocciatura’ del federalismo in Bicamerale -. A noi sindaci, che dobbiamo dare risposte concrete ai cittadini in termini di servizi e di lavori, interessano piuttosto meccanismi normativi che ci diano respiro finanziario, che ci è stato tolto, così com’è impostato, dal patto di stabilità. E ce lo ha tolto in modo iniquo trattando allo stesso modo Comuni virtuosi, come quelli vicentini, e Comuni spendaccioni: c’è chi infatti per consulenze ha nel proprio bilancio mille euro e chi ne ha milioni”.

“Nessuno dei Comuni vicentini sperpera denaro – aggiunge Variati -. Così però non si può andare avanti perché finiremmo per intaccare i servizi essenziali per i cittadini. Per questo l’Unione tra i Comuni della nostra provincia organizzerà presto un incontro diretto a tutti i sindaci del Vicentino, in cui analizzeremo nel concreto che cosa il federalismo municipale proposto, se approvato, comporterebbe per i nostri Comuni. Ora che abbiamo il testo finale infatti – spiega il sindaco - vogliamo capire cosa cambierebbe non in un futuro imprecisato, ma fin da quest’anno e poi nel 2012 e nel 2013, sia per un Comune medio come Vicenza, sia per un Comune piccolo. Solo dopo prenderemo posizione, perché non vogliamo perderci nel teatrino della politica – ribadisce Variati -, ma vogliamo invece mantenere una sana concretezza”.

"Perché allo stato attuale l'unica certezza che abbiamo è sui pesantissimi tagli che già quest'anno, e ancora di più nei prossimi due, il Governo ci impone – approfondisce il sindaco -: per Vicenza, meno 3,5 milioni di euro di trasferimenti nel 2011 e oltre 5 milioni in meno sia nel 2012 che nel 2013. In tre anni quasi 15 milioni di euro ci verranno a mancare. Non dimentichiamo che dai Comuni dipendono non solo servizi essenziali per i cittadini, a rischio di taglio già oggi, ma anche investimenti in opere pubbliche essenziali per l'economia locale e nazionale. E se la 'medicina' del federalismo municipale arriverà a regime solo nel 2014, come sembra, c'é da capire se la cura sarà sufficiente o se verrà somministrata quando il paziente ormai é morto".

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza