Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

11/11/2010

Per “Vicenza d’autore” domenica 14 novembre “I Polifonici Vicentini” alla Chiesa di S. Giorgio in Gogna

La serie di messe-concerto proposte dalla rassegna   “Vicenza d’autore: musica tra sacro e profano nei luoghi d’arte della città”, organizzata per il mese di novembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza, si sposta questa domenica alla chiesa di S. Giorgio in Gogna (viale Fusinato).
La celebrazione liturgica delle ore 11 vedrà infatti la partecipazione de "Polifonici Vicentini", diretti sin dalla sua fondazione da PierLuigi Comparin, che eseguiranno canti tratti da repertori molto diversi tra loro, storicamente e geograficamente, come chiaramente esprime il tema scelto per l’appuntamento, “L’antico e il moderno della liturgia”, ma collegati dal sottile filo conduttore della "destinazione liturgica", grazie ad autori come Monteverdi, Nystedt, Busto, Da Victoria, Zardini, Pergolesi e Croce.
L’obiettivo di “Vicenza d’Autore”, iniziativa riconfermata anche quest’anno dopo il felice esordio dell’anno passato, è quello di spostare l’attenzione anche aldilà della musica, verso bellezze architettoniche della città meno note, seppur di notevole valenza storica e artistica. Oltre ai celeberrimi edifici palladiani, quindi, sono messi in luce anche le splendide architetture medievali, barocche e neoclassiche che la città dispone. E’ questo il caso dell’antichissima Chiesa di S. Giorgio in Gogna (982), piccolo esempio dello stile romanico veneto che ospitava il lazzaretto cittadino. Nella semplice e arcaica navata si riconoscono due opere assai significative, il dipinto del Maganza Apparizioni della Vergine e Vincenza Pasini (1620) - che testimonia la profonda devozione mariana a Vicenza - e l’organo, opera organaria pur recente ma di assoluto pregio.   Questo strumento, costruito nel 1991 da Franz Zanin di Camino al Tagliamento - organaro di lunga tradizione stimato a livello europeo tra gli artigiani più capaci e fedeli alla migliore tradizione italiana – è dotato di due tastiere, pedaliera e 19 registri; ispirato all’organaria veneta del XVIII secolo testimonia inoltre le influenze transalpine già note nel triveneto sin dalla fine del ‘600 per la presenza di organari d’oltralpe.
Un interesse, quello per i luoghi, che però non fa trascurare la scelta di musicisti e artisti, i veri protagonisti di “Vicenza d’autore”. Questa domenica, come si diceva, sarà la volta del gruppo corale "I Polifonici Vicentini" , veri professionisti nell’interpretare la grande polifonia sacra e profana. L’ensemble si unisce periodicamente al gruppo strumentale barocco di Vicenza "I Musicali Affetti" e all’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza. Ha inoltre realizzato incisioni anche su musiche di autori contemporanei, quali Zardini, Pressato, Durighello, Lanaro, Crestani, Signorini, Zotto, oltre che del poliedrico amico Bepi De Marzi, prestatosi anche a fare da voce recitante nella Passione di Christo secondo Giovanni di Francesco Corteccia. Costante è l’affermazione in campo nazionale e internazionale con prestigiosi concerti e importanti affermazioni a concorsi. Il direttore, PierLuigi Comparin, organista del Tempio di S. Corona in Vicenza e docente di Organo e canto gregoriano nei corsi tradizionali e nell’ordinamento dei corsi superiori di secondo livello presso il Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza, è noto anche come concertista in campo organistico, specialmente sulla letteratura barocca.
Saranno poi tanti altri ancora gli appuntamenti di novembre. Di tutti ne menzioniamo almeno due in particolare: altre messe-concerto, come quelle con la Schola S. Rocco diretta da Francesco Erle in programma domenica 21 novembre (Chiesa dei carmini, ore 11) e con l'Ensemble Phoné diretto da Luigi Ceola (Abbazia di S. Agostino, domenica 28, ore 11); quindi il concerto  che vedrà Coro e Orchestra di Vicenza per la direzione di Giuliano Fracasso, protagonisti del concerto per S. Cecilia, domenica 21 al Tempio di S. Lorenzo con dedica al compianto marchese Giuseppe Roi.

“Vicenza d’autore” è un progetto realizzato dal Comune di Vicenza con il concorso di Regione Veneto, Fondazione Cariverona e Fondazione Roi, e sostenuto da Banca Popolare di Verona, Smart Trivellato e Aim. Gli appuntamenti con le celebrazioni liturgiche in musica sono ovviamente a ingresso libero.

Per info: Comune di Vicenza - Assessorato alla Cultura (0444 221541, 0444 222101  infocultura@comune.vicenza.it - www.comune.vicenza.it ).

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza