Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

08/11/2010

Alluvione, Enrico Letta (Pd) in sopralluogo: “L’Italia intera deve chiedere scusa a Vicenza e al Veneto per l’indifferenza sin qui dimostrata”

È venuto anche Enrico Letta oggi a Vicenza per rendersi conto dei danni che l’alluvione dell’1 novembre si è lasciata dietro. Poco dopo le 16 il vicesegretario nazionale del Partito Democratico è arrivato a piedi in piazza Matteotti da Palazzo Trissino accompagnato dal sindaco Achille Variati.

“Ho visto la devastazione, la difficoltà, la fatica e questo è uno dei casi in cui il nostro Paese deve dare il massimo – ha dichiarato dopo un breve sopralluogo -. Ho voluto venire di persona per portare un messaggio molto forte: penso che l’Italia intera debba chiedere scusa a Vicenza e al Veneto per l’indifferenza con cui in questa settimana ha guardato ad una vicenda che in realtà è drammatica. La questione invece dovrebbe interessare tutta l’Italia, perché se il Veneto va in ginocchio anche dal punto di vista produttivo, la possibilità di una ripresa effettiva si allontana. Purtroppo invece il nostro Paese è oggi preso da discussioni che si avviluppano su se stesse e che nulla hanno a che fare con la realtà concreta”.

“Alle scuse, poi, devono seguire fatti molto concreti – ha aggiunto –, sostenuti da un fronte unito, di tutte le forze politiche, attraverso la legge Finanziaria che andrà in discussione al Parlamento la prossima settimana. Il pacchetto immediato di aiuti dovrebbe essere articolato in tre direzioni: risarcimento a chi ha subito danni, sospensione delle tasse, dei pagamenti e dei mutui, come già applicato durante gli eventi catastrofici più importanti del nostro Paese, ed esenzione dal patto di stabilità interno dei Comuni e degli enti locali che in questo momento devono far fronte all’emergenza. In particolare la sospensione dei tributi significherebbe non esasperare le persone, dare un segno di attenzione e aiutare concretamente per il rilancio in un momento di crisi come questo. Di risorse ce n’è poche a livello nazionale, ma vanno trovate”.

“Soprattutto non deve essere liquidata la faccenda con appena quei 20 milioni che il Governo ha stanziato finora – ha aggiunto il sindaco Variati -, perché quelli servono per l’immediata emergenza. Sarebbe come dare un bicchier d’acqua a uno che sta morendo di fame. Serve invece un importante stanziamento in Finanziaria, che nel giro di 60 giorni arrivi alle imprese e alle famiglie, perché senza dotazioni in conto capitale a fondo perduto, con l’indebitamento o anche solo con una diminuzione della pressione fiscale, le imprese non ce la farebbero a ripartire: erano già in crisi, specie nel manifatturiero e nel commercio”.

“Mi auguro – ha concluso Letta - che questa sia una vicenda che serva a far capire che tagliare i fondi per la prevenzione dei dissesti idrogeologici alla fine diventa un boomerang, perché si pagano costi economici ed umani molto superiori a quelli che si sono risparmiati. Se non ci fossero stati i Comuni e i tantissimi volontari che hanno portato un grandissimo messaggio di solidarietà che è venuto all’intero Paese, non saremmo oggi in condizione di guardare al futuro, ma saremmo a piangere danni e fatti molto peggiori. Per questo ritengo che l’Italia debba chieda scusa a Vicenza”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza