Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

24/04/2010

Bilancio 2010, Variati dopo l'approvazione: "Contro la crisi più sociale, cantieri e progetti per far ripartire Vicenza. Positiva l'astensione di 3 dei 6 gruppi di opposizione".

"In un anno di crisi pesantissima, che investe anche i Comuni, potevamo limitarci a un bilancio conservativo, di soli tagli. Abbiamo invece deciso, accanto all'aumento dei capitoli sul sociale per rispondere a una crescente domanda di aiuto, di gettare anche le basi per la ripartenza di Vicenza. L'investimento sul futuro è anch'esso un modo di rispondere alla crisi". Così il sindaco di Vicenza, Achille Variati, ha stamani commentato il bilancio 2010, approvato ieri notte con i voti positivi delle tre liste di maggioranza (PD, lista Variati, lista Vicenza Capoluogo) e l'astensione di tre dei sei gruppi di minoranza (UDC, lista Cicero, lista Vicenza Libera). 
"Come il 2009 e forse più, il 2010 sarà un anno durissimo - sottolinea Variati - . La crisi sta producendo una grande sofferenza anche nel Veneto e nel Vicentino, storiche locomotive dell'economia italiana. Gli effetti sul Comune non sono minori: anche quest'anno siamo stati costretti a tagli pesanti per far quadrare i conti, e i vincoli soffocanti del patto di stabilità imposto da Roma peggiorano la situazione. Mentre aumenta la domanda di aiuto e assistenza da parte delle famiglie vicentine. Così, l'elemento più forte del nostro bilancio è la risposta alle famiglie colpite dalla crisi: i capitoli del sociale sono gli unici ad aumentare, perchè in un momento difficile per tutti nessun mio concittadino deve sentirsi solo, disperato o abbandonato. Il Comune sarà al fianco di chiunque chieda aiuto". 
"Ma pur di fronte alla crisi - prosegue il sindaco - non ci siamo limitati a un bilancio conservativo, fatto di soli tagli. Abbiamo il dovere di investire sul futuro, e di gettare già oggi, pur in un momento difficile, le basi per la ripartenza. Ed è questa la scelta che abbiamo fatto. Ecco allora gli oltre 117 cantieri e le grandi opere sbloccate per oltre 50 milioni di euro, di cui beneficeranno l'economia e le famiglie vicentine. E nuove prospettive verranno aperte non appena la Regione, al cui presidente nuovamente mi appello, approverà finalmente il PAT di Vicenza: porteremo subito in consiglio comunale il primo piano degli interventi, le intese con i privati e gli accordi di programma con Provincia, ULSS, IPAB, Demanio, che muoveranno aree della città bloccate da anni e daranno vita a grandi opportunità di sviluppo".
"Dobbiamo progettare in grande - sottolinea Variati - e non limitarci alla piccola demagogia. Qualcuno dall'opposizione ha criticato alcune nuove consulenze, peraltro limitate nel numero e nell'importo. Ad esempio quella sulla Basilica Palladiana, per progettarne la trasformazione in polo culturale d'eccellenza. Ma qui sta la differenza tra un'amministrazione, come quella precedente, che ne ha avviato il restauro limitandosi a considerarlo un monumento vuoto, solo da guardare, e questa amministrazione: che pensa alla Basilica Palladiana, non appena termineranno i lavori, come al grande motore del turismo cittadino. Un motore che spingerà anche la nostra economia. E che vale bene un piccolo investimento adesso, per farci lavorare competenze esperte anche esterne al Comune". 
"Credo sia anche per questo - conclude il sindaco - che ben tre dei sei gruppi di minoranza hanno espresso non un voto contrario ma l'astensione. Un'astensione motivata anche con espliciti apprezzamenti sul bilancio e l'operato dell'amministrazione. E' un fatto positivo, che rafforza la mia azione, e testimonia una modulità costruttiva di fare opposizione di cui voglio dare atto all'UDC, alla lista Cicero e alla lista Vicenza Libera".
"Come il 2009 e forse più, il 2010 sarà un anno durissimo - sottolinea Variati - . La crisi sta producendo una grande sofferenza anche nel Veneto e nel Vicentino, storiche locomotive dell'economia italiana. Gli effetti sul Comune non sono minori: anche quest'anno siamo stati costretti a tagli pesanti per far quadrare i conti, e i vincoli soffocanti del patto di stabilità imposto da Roma peggiorano la situazione. Mentre aumenta la domanda di aiuto e assistenza da parte delle famiglie vicentine. Così, l'elemento più forte del nostro bilancio è la risposta alle famiglie colpite dalla crisi: i capitoli del sociale sono gli unici ad aumentare, perchè in un momento difficile per tutti nessun mio concittadino deve sentirsi solo, disperato o abbandonato. Il Comune sarà al fianco di chiunque chieda aiuto". 
"Ma pur di fronte alla crisi - prosegue il sindaco - non ci siamo limitati a un bilancio conservativo, fatto di soli tagli. Abbiamo il dovere di investire sul futuro, e di gettare già oggi, pur in un momento difficile, le basi per la ripartenza. Ed è questa la scelta che abbiamo fatto. Ecco allora gli oltre 117 cantieri e le grandi opere sbloccate per oltre 50 milioni di euro, di cui beneficeranno l'economia e le famiglie vicentine. E nuove prospettive verranno aperte non appena la Regione, al cui presidente nuovamente mi appello, approverà finalmente il PAT di Vicenza: porteremo subito in consiglio comunale il primo piano degli interventi, le intese con i privati e gli accordi di programma con Provincia, ULSS, IPAB, Demanio, che muoveranno aree della città bloccate da anni e daranno vita a grandi opportunità di sviluppo".
"Dobbiamo progettare in grande - sottolinea Variati - e non limitarci alla piccola demagogia. Qualcuno dall'opposizione ha criticato alcune nuove consulenze, peraltro limitate nel numero e nell'importo. Ad esempio quella sulla Basilica Palladiana, per progettarne la trasformazione in polo culturale d'eccellenza. Ma qui sta la differenza tra un'amministrazione, come quella precedente, che ne ha avviato il restauro limitandosi a considerarlo un monumento vuoto, solo da guardare, e questa amministrazione: che pensa alla Basilica Palladiana, non appena termineranno i lavori, come al grande motore del turismo cittadino. Un motore che spingerà anche la nostra economia. E che vale bene un piccolo investimento adesso, per farci lavorare competenze esperte anche esterne al Comune". 
"Credo sia anche per questo - conclude il sindaco - che ben tre dei sei gruppi di minoranza hanno espresso non un voto contrario ma l'astensione. Un'astensione motivata anche con espliciti apprezzamenti sul bilancio e l'operato dell'amministrazione. E' un fatto positivo, che rafforza la mia azione, e testimonia una modulità costruttiva di fare opposizione di cui voglio dare atto all'UDC, alla lista Cicero e alla lista Vicenza Libera".

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza