Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

13/01/2010

Vie di fuga 15-16-17 gennaio 2010: un assaggio e una grande messa in scena del progetto Basilica Palladiana 2011. Al via la tre giorni dedicata al contemporaneo

Comincia l'appassionante viaggio di avvicinamento verso la riapertura del più importante monumento palladiano nel 2011.60 eventi, di cui 13 workshop e incontri tenuti da oltre 20 relatori, 30 interventi artistici tra mostre, installazioni e performance in più di 25 location diverse e un ricco cartelloni di Vie di fuga, la tre giorni dedicata al contemporaneo voluta dal Comune di Vicenza e dalla Regione del Veneto, in collaborazione Fuoribiennale, che dal 15 al 17 gennaio animerà tutta la città di Vicenza culminando sabato 16 gennaio con una lunga notte di festa con golden menu nei ristoranti cittadini aderenti, gallerie d’arte e negozi aperti fino alle 23 realizzata in partnership con la Fiera di Vicenza.
Un’iniziativa che coinvolge istituzioni, associazioni, attori culturali e giovani espressioni artistiche per costruire e attivare nuove sinergie fra tutte le realtà cittadine e regionali, permettendo al "progetto Basilica" di diventare un punto di riferimento sia culturale, che sociale che economico per tutta la città.
“La realizzazione di Vie di fuga – ricorda l’assessore alla cultura Francesca Lazzari - è stata possibile grazie alla favorevole sinergia tra l'assessorato alla cultura del Comune di Vicenza, promotore dell'iniziativa, e l'associazione Fuoribiennale che si è impegnata con successo nei delicati aspetti organizzativi. Vie di fuga è stata l'occasione per rafforzare i rapporti tra l'ente pubblico e la Fiera di Vicenza, la quale - forse per la prima volta - si è messa in prima linea assieme al Comune per promuovere la città. Credo sia necessario comprendere e sviluppare la connessione che lega Vicenza con il settore fieristico: il rilancio della Fiera coinvolgerà positivamente tutto il territorio. Vie di fuga deve essere visto anche come un appuntamento per riflettere su Vicenza e sul suo ruolo di capoluogo. L'evento è una vetrina che, coinvolgendo tutte le istituzioni e gli attori culturali, può mostrare le numerose potenzialità che la città può esprimere.”
Si parte venerdì pomeriggio 15 gennaio alle 17.30 con l’incontro “Da qui parte tutto. La committenza alla base della progettazione di una città” presso ASA Studio Albanese, dove interverranno Flavio Albanese, direttore di Domus e tutti principali attori culturali di Vicenza. La serata prosegue poi a Monotono, in Viale Milano 60, con l’inaugurazione della mostra “Fune” di Alberto Scodro, preceduta dalla tavola rotonda “Young, young, young. E i giovani? Luoghi e attivatori della giovane creatività italiana.”
Sempre nella giornata di venerdì aprono le porte numerose gallerie e spazi con le loro installazioni, performance e mostre, che continueranno poi nei giorni successivi tra cui VIART in Contrà del Monte 13, con una esposizione permanente dell’artigianato artistico vicentino e la mostra di gioielli d’arte contemporanei “Microcosmi”, l’atelier di Marisa Mozzo con “Segni Creativi”, Palazzo Chiericati, il Teatro Olimpico e il Museo naturalistico archeologico. Tra le gallerie saranno visitabili Valmore Studio d’Arte in contrà Santa Croce 14, con la mostra “Madì, dalle inquietudini dell’astrazione geometrica una rivoluzione in nome di creazione e invenzione” che espone opere di Reale F. Frangi e Piergiorgio Zangara; Primo Piano Arte Studio in Contrà Santa Barbara 21, con “Vie di fuga” di Vera Sammlung; e ancora Yvonne Arte Contemporanea e la mostra “Aria” di Toyomi Nara e Daria Zanotto. Alla Galleria Berga una selezione di opere del ‘900, mentre il Museo Diocesano propone la mostra “Laudate Dominum Omnes Gentes”. Prosegue presso Casa Gallo a Palazzo Brusarosco-Zaccaria la mostra “Sapere non sapere” di Andrea Bianconi, e nel giardino l’opera illuminata “Le lune di Galileo” di Margherita Michelazzo. E ancora la mostra “Things” di Laurina Paperina nella chiesa Santi Ambrogio e Bellino in contrà Sant’Ambrogio 23, e la Galleria Liberismo a Palazzo Valmarana Braga in corso Fogazzaro 16 con “Buio del Vedente”, mostra di Marco Chiurlato. Non solo l’arte, ma anche il design e l’architettura sono protagonisti di queste giornate: a Casa Cogollo detta Del Palladio in Corso Palladio 165 Joe Velluto espone i suoi oggetti nella mostra “Come dire”, e Studio Molini inaugura il progetto “Window Project” in Contrà delle Barche 39, con l’installazione “Carpet”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza