Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

28/09/2009

Nuove agevolazioni sulla tariffa igiene ambientale (TIA) e contributi per le spese di riscaldamento

Due nuovi bandi per aiutare le famiglie in difficoltà sono stati pubblicati dal Comune di Vicenza. Si tratta di quello per le agevolazioni sulla tariffa igiene ambientale del 2010 (TIA) e di quello per ottenere un contributo sulle spese del gas per il riscaldamento.

Per accedere ad entrambi gli aiuti, che sono cumulabili, bisogna fare domanda dall’1 ottobre al 29 ottobre nelle circoscrizioni.

Questa mattina l’assessore alla famiglia e alla pace Giovanni Giuliari ha presentato le nuove opportunità e ha fatto il punto sulle agevolazioni date nei mesi scorsi, rilevando che sono ancora troppo pochi gli aventi diritto che utilizzanno queste possibilità.

“Molte famiglie – ricorda l’assessore Giuliari - si stanno impoverendo e sono alla ricerca di qualsiasi tipo di sostegno con l’aiuto di un’importante rete di volontariato. Le detrazioni sulla tariffa rifiuti e sulla bolletta del riscaldamento previste da questi bandi sono opportunità significative che invito a segnalare e a utilizzare. Anche noi studieremo nuove modalità per raggiungere il più possibile le persone che possono accedervi”.

Entrambi i nuovi bandi, con l’indicazione dei requisiti, sono disponibili nelle sedi delle circoscrizioni e sono scaricabili assieme alla modulistica dalle schede informative predisposte dall’ufficio relazioni con il pubblico:  Agevolazioni tariffa igiene ambientale (TIA) ; Contributo gas per riscaldamento .

Per fare domanda ci si deve rivolgere alle sedi delle circoscrizioni il martedì e il giovedì, dalle 9 alle 12.

 

Tariffa igiene ambientale (TIA)

Per quanto riguarda il nuovo bando per le agevolazioni sulla tariffa igiene ambientale (TIA), la domanda relativa all’anno 2010 e per l’abitazione che si occupa abitualmente può essere fatta da cittadini italiani, cittadini appartenenti all'Unione Europea, cittadini stranieri non appartenenti ad uno stato dell'Unione Europea in possesso di permesso di soggiorno o di carta di soggiorno.

Questi i requisiti necessari: essere residente nel Comune di Vicenza nell'abitazione oggetto della tariffa; essere in possesso di un ISEE del nucleo familiare, relativo ai redditi 2008 e in corso di validità, uguale o inferiore a  € 7.500;oppure essere componente di un nucleo monoreddito il cui percettore di reddito si trovi negli ultimi tre mesi precedenti (29 luglio - 29 ottobre) la data di scadenza del bando in stato di cassa integrazione, mobilità o disoccupazione o lo sia stato per almeno 6 mesi nel 2009 indipendentemente dal valore dell'ISEE(l'attestazione deve essere comunque posseduta in quanto l'ISEE deve essere dichiarato nella domanda ai fini della formazione della graduatoria); non essere titolare, sia il richiedente che gli altri componenti il nucleo familiare, di diritti di proprietà o usufrutto su beni immobili, ad eccezione dell'abitazione nella quale si ha la residenza, e a condizione che questa non appartenga alle categorie catastali A1 (abitazione tipo signorile), A8 (villa) e A9 (castello).

Alla domanda da presentare in una delle circoscrizioni vanno allegati copia dell'ultima fattura di igiene ambientale intestata al richiedente e riferita all'abitazione occupata; copia del permesso di soggiorno o carta di soggiorno; copia della dichiarazione di invalidità certificata superiore al 66% (per beneficiare di una maggiorazione dell'agevolazione); dichiarazione anche autocertificata attestante lo stato di cassa integrazione, mobilità o disoccupazione, riportante le date esatte; eventuale delega in caso di domanda presentata da persona diversa dall'intestatario della fattura della tariffa di igiene ambientale. Nel caso in cui venga presentata un'attestazione ISEE con reddito e patrimonio pari a zero, il Comune può chiedere una dichiarazione integrativa, nella quale il richiedente deve indicare quali siano state le fonti di sostentamento del suo nucleo familiare nel 2008. L'attestazione ISEE è quella relativa ai redditi del 2008.Per coloro che hanno già fatto la domanda per l'anno 2009 saranno considerati tutti i documenti ancora validi.L’attestazione ISEE va chiesta ai CAF convenzionati con il Comune di Vicenza.

Queste le agevolazioni previste: riduzione del 75% sulla parte variabile della TIA, per i richiedenti in condizioni di disagio socio economico, con assistenza permanente da parte dei Servizi Sociali del Comune, e cioè che hanno un ISEE inferiore o uguale all’I.Mi.Ve.(indicatore minimo vitale equivalente pari a euro 5.360,94); riduzione del 30% sulla parte variabile della TIA, per i richiedenti che hanno un ISEE compreso tra l’I.Mi.Ve. e € 7.500; riduzione del 75% sulla parte variabile della TIA, per i richiedenti che hanno un ISEE inferiore o uguale a € 7.500 e nel nucleo familiare almeno una persona con una percentuale di invalidità civile uguale o superiore al 66%; riduzione del 50% sulla parte variabile della TIA, per i richiedenti che fanno parte di un nucleo che ha perso l’unico reddito a seguito di messa in stato di cassa integrazione, mobilità o disoccupazione.

Alle agevolazioni potranno sommarsi ulteriori riduzioni, sempre relative alla parte variabile della TIA: riduzione del 10% per i nuclei familiari composti da una o due persone e con al loro interno almeno un componente con un’età uguale o superiore a 75 anni (compiuti alla data della domanda), con redditi derivanti unicamente da pensione ed ISEE uguale o inferiore a € 7.500; riduzione del 5% per i nuclei familiari composti da una o due persone e con al loro interno almeno un componente con una età compresa tra 65 e 74 anni (compiuti alla data della domanda), con redditi derivanti unicamente da pensione ed ISEE uguale o inferiore a € 7.500; riduzione del 10% per i nuclei familiari con bambini di età inferiore a 2 anni e con un ISEE inferiore o uguale a € 7.500; riduzione del 10% per i nuclei familiari composti da almeno 4 persone e con ISEE inferiore o uguale a € 7.500.

 

Contributo gas per riscaldamento

Per chiedere il contributo alle spese per il riscaldamento è necessario essere residenti nel Comune di Vicenza e titolari di un contratto di fornitura di gas. Inoltre è necessario avere all’interno del proprio nucleo familiare uno o più minori; oppure uno o più portatori di handicap psicofisico permanente; oppure uno o più soggetti con invalidità certificata superiore al 66%; oppure uno o più soggetti di età pari ad almeno 65 anni.

L’ISEE sommato ad altre provvidenze economiche esenti ai fini Irpef percepite nell'anno 2008 dovrà essere inferiore a € 5.360,94.

A questo proposito vanno dichiarati: pensione di invalidità civile, assegno di accompagnamento, contributi comunali straordinari o al minimo vitale, assegno di maternità o al nucleo familiare,  il contributo comunale per le spese di locazione, somme percepite a titolo di assegno di cura, contributi percepiti dal Comune e altre somme percepite a qualsiasi titolo ed esenti ai fini Irpef.

Alla domanda vanno allegati l’ultima bolletta del gas; la dichiarazione di invalidità (per chi ha una invalidità certificata superiore al 66%); l’attestazione dell'ente relativa alla retta pagata nel 2008, nel caso di persone anziane residenti in strutture con servizio prevalentemente abitativo e titolari di un contratto autonomo di fornitura gas.
Nel caso in cui venga presentata un'attestazione ISEE con reddito e patrimonio pari a zero, il Comune può chiedere una dichiarazione integrativa, nella quale il richiedente deve indicare quali siano state le fonti di sostentamento del suo nucleo familiare nel 2008.

 

I dati sui bandi precedenti

Le domande per l’agevolazione TIA relative all’anno 2009 sono state 844, di cui 8 non accolte. Sono stati elargite agevolazioni per 44.907 euro rispetto al fondo di 148mila euro messo a disposizione da Aim, con una media di 53 euro per ogni richiedente ed erogazioni massime pari a 108 euro e minime di 11 euro.

Da un’analisi dei dati relativi agli ISEE uguali o inferiori ai 7.500 euro, cifra limite per la presentazione della domanda, risulta che gli aventi diritto sarebbero almeno 3700. Purtroppo, per ragioni di privacy, il Comune non può accedere ai dati anagrafici dei contribuenti e contattare direttamente i possibili beneficiari. Tocca quindi ai cittadini che ne hanno diritto, farsi avanti sfruttando anche questa opportunità.

“Nel frattempo – dichiara Giuliari – cercheremo di migliorare la comunicazione sul bando in modo che possa raggiungere il maggior numero di cittadini e di studiare con Aim nuove modalità per rimettere in circolo i quasi 100 mila euro non utilizzati”.

Per quanto riguarda il contributo per il gas, l’ultima erogazione di fondi è del 2009 e si riferisce alle spese per il riscaldamento dell’inverno 2006/2007: pari a 40.519 euro i fondi utilizzati per venire incontro alle domande di 443 famiglie, ognuna delle quali ha ricevuto 91 euro. Anche in questo caso gli aventi diritto avrebbero potuto essere molti di più, almeno 2000 nuclei, ma non c’è stato un avanzo sul fondo perchè è prevista la sua suddivisione tra tutti i beneficiari.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza