Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

28/07/2009

Spina Ovest, Lazzari: ”Un grande volano per lo sviluppo della città”

Lo sviluppo di Vicenza passa per la “spina ovest”, una grande Y con la coda che si insinua verso la stazione e le due teste che si aprono su Monte Crocetta e verso il Dal Molin. “E’ lungo questo grande asse cerniera – spiega l’assessore alla progettazione e innovazione del territorio Francesca Lazzari, affrontando uno dei temi più importanti del Pat – che si gioca una parte importante dello sviluppo di Vicenza. E’ in questa parte di città che, più che altrove, emerge in modo evidente il metodo che ci ha guidati nella redazione del Pat: la scelta di un’urbanistica negoziata, ma non negoziabile, nella quale la governance è affidata al Comune che pianifica in modo coerente e dialoga con i privati partendo dall’esigenza del pubblico. Chi sarà con noi in questa sfida diventerà attore di un circolo virtuoso capace di attivare risorse e opportunità. Per scrivere non un libro dei sogni, ma un vero business plan. Senza dissipare terrtiorio, ma valorizzando e convertendo l’esistente”.

Notevoli, lungo la spina ovest che l’amministrazione vuole attraversata da una nuova mobilità ciclopedonale, le occasioni per il privato e per la città: “Con tutti i privati e gli enti che hanno aree all’interno di questo asse stiamo definendo accordi che sbloccherranno situazioni ferme dai tempi dei piani particolareggiati. Domenichelli, Rebecca, Beltrame, Ulss a san Felice, Banca Popolare, Zambon… con tutti stiamo trovando soluzioni nell’ambito del nostro disegno di città. Anche alla Provincia abbiamo chiesto di ragionare insieme, ma se vorrà procedere per conto suo non varieremo la cubatura a disposizione per la nuova stazione delle Ferrotramvie”.

Di qui la soluzione del nuovo municipio (centro civico) nell’ex Domenichelli, che con il nuovo centro culturale europeo cambierà la fisionomia, e il valore immobiliare, di un’area troppo a lungo degradata, anche se assolutamente centrale. “Una scelta strategica – ribadisce la Lazzari – che porta funzioni eccellenti ed edifici di qualità, realizzati attraverso concorsi internazionali, in una zona che sarà servita da tutti i mezzi pubblici e realizza un presidio civico in una parte di città oggi piuttosto problematica”.

Ancora, per quanto riguarda gli accordi con i privati, saranno le ex aree d’oro alle spalle del teatro ad offrire le necessarie cubature per i servizi e la residenzialità: “Daremo un’occasione di investimento ai privati in cambio di aree utili al nostro disegno (sarà proprio lì che potranno trovare soddisfazione le richieste edificatorie della proprietà del Campo Federale e del Parco delle Montagnole, che l’amministrazione intende preservare…), ma anche un contorno di servizi e di vita adeguati al teatro civico, oggi cattedrale nel deserto” .

Tra gli altri accordi inseriti nella spina ovest, quello con la Banca Popolare, da tempo interessata a trasformare il vecchio parking Europa in edificio direzionale per 150 nuovi posti di lavoro: “Oltre all’abbattimento della casa di via Bonollo concordato con la precedente amministrazione - spiega l’assessore - chiederemo alla banca di contribuire anche alla realizzazione della pista cilopedonale che attraverserà tutta la spina, fatti salvi, ovviamente, gli oneri di urbanizzazione. Gli standard di parcheggio verranno distribuiti nell’intera area”.

Ancora: l’area ex Zambon: “Siamo alle ultime battute di un accordo importante, che prevede la destinazione a parco di gran parte della superficie radicalmente bonificata. Ai margini dell’area ci saranno anche edifici che si svilupperanno in altezza: sette, otto piani di qualità possono essere una scelta valida per non consumare territorio… E ci saranno anche un edificio per le associazioni ambientalistiche e uno destinato a servizio pubblico, per la nuova sede della polizia locale o per una vera e propria cittadella della sicurezza, se la Provincia acconsentirà a trasferirvi i carabinieri”.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza