Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

05/03/2009

Al Forum Center e a Villa Lattes la mostra itinerante “Piazze d’Europa, Piazze per l’Europa”

Piazze d’Europa, Piazze per l’Europa
9 marzo – 9 aprile 2009
Forum Center – Piazza dei Signori 12, Vicenza
Da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12,30
Villa Lattes – Via Thaon di Revel 44, Vicenza
Da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12,30
Martedì e giovedì anche dalle 14,30 alle 18,30
Ingresso gratuito


A Vicenza apre la mostra itinerante “Piazze d’Europa, Piazze per l’Europa”: 70 pannelli divisi tra il Forum Center di Piazza dei signori e Villa Lattes, in via Thaon di Revel 44, per riflettere sulla piazza come momento significativo dell’identità europea e per presentare 60 piazze di altrettante località di 23 paesi europei.

L’esposizione fa parte del programma di ricerca “La Piazza – Un Patrimonio europeo”, finanziato dalla Commissione Cultura dell’Unione Europea, che ha impegnato oltre quaranta docenti e ricercatori di varie istituzioni universitarie e culturali (Università IUAV di Venezia, Università Politecnica di Catalogna, Università Jagellona di Cracovia, Università Aristotele di Salonicco, Maison des Sciences de l’Homme di Parigi, CIDAC – Associazione delle Città d’arte e cultura).

Questa mattina l’assessore alla progettazione e innovazione del territorio ed alla cultura Francesca Lazzari e il professor dello IUAV di Venezia Franco Mancuso, responsabile scientifico del progetto, hanno presentato l’esposizione, che sarà inaugurata a Villa Lattes sabato 7 marzo alle 17 e rimarrà aperta al Forum Center di piazza dei Signori e a Villa Lattes dal 9 marzo al 9 aprile.

La ricerca che ha portato all’allestimento della mostra itinerante e ad una serie di altre iniziative collaterali, parte dalla considerazione che il patrimonio dalle piazze rappresenti un elemento fondamentale dell’identità europea e che la sua conservazione sia uno strumento imprescindibile per la crescita civile e sociale.

“Visto che l’amministrazione comunale sta ragionando sul futuro del sistema delle piazze della città – ha spiegato l’assessore Lazzari –, vogliamo con questa mostra portare a Vicenza un contributo importante: dietro c’è un grosso lavoro di analisi e il risultato è di grande spessore, adatto e rivolto a tutti, architetti, cittadini e amministratori compresi”.

La mostra itinerante che fa tappa a Vicenza è composta da 70 pannelli e illustra per la prima volta un campione altamente significativo di casi di studio di piazze di tutto il continente, dall’Italia ai paesi scandinavi, dal Portogallo ai paesi dell’Europa Orientale, oltre che una serie di tavole tematiche (le piazze europee nei loro usi politici, sociali, religiosi, ecc.).

L’esposizione è stata inaugurata per la prima volta a Venezia in occasione di un simposio internazionale che ha fatto il punto sul tema e in altre quattro città sedi delle università partner del progetto, per poi muoversi all’interno di tutto il territorio europeo (Cracovia, Salonicco, Lisbona, Barcellona, Genova, Ferrara).

“Nel caso di Vicenza si è scelto di allestire una mostra in due sedi, una centrale e una decentrata – ha sottolineato Lazzari -, per consentire una maggiore integrazione col territorio e per sottolineare la vocazione itinerante dell’evento”.

Accompagnano la mostra un catalogo illustrato, dal titolo “Squares of Europe, Squares for Europe”, uno studio comparativo sulle problematiche delle piazze in Europa ed in particolare nei cinque paesi partner del progetto (Italia, Francia, Grecia, Polonia, Spagna), una “Carta europea delle piazze” sulle buone pratiche di recupero e valorizzazione delle piazze, un sito internet multilingue (www.placeeurope.net ), che riporta i principali risultati della ricerca e si propone come strumento di diffusione e conoscenza del patrimonio rappresentato dalle piazze europee.


INTRODUZIONE ALLA MOSTRA

Le piazze europee costituiscono un momento significativo della identità europea. La piazza nasce nel mediterraneo, in Grecia ed a Roma, e si diffonde col tempo in tutto il continente. Le civiltà extraeuropee hanno creato modi diversi di organizzazione e di aggregazione. Le piazze che oggi esistono negli altri continenti derivano in generale da modelli europei.

Tuttavia l''identità europea racchiude una straordinaria complessità.
Come il concetto stesso di piazza: che è uno spazio fisico unitario ma definito da una pluralità di componenti, è luogo passaggio, di incontri, di scambi, di riconoscimento reciproco, di affermazioni del potere, di sommosse. E' nelle piazze che avvenivano le esecuzioni pubbliche, ma è in esse che si esprimevano i momenti più alti della cultura e della spiritualità. E' il luogo aperto in cui si realizza la coesione sociale. Ogni piazza ha una sua storia, una sua personalità irripetibile, nasce per soddisfare bisogni specifici, materiali o ideali, e si trasforma nel tempo attraverso percorsi originali.

Un'esposizione che voglia rintracciare questo momento identitario europeo, che è la piazza, deve quindi necessariamente essere articolata e complessa, attenta al particolare in cui di volta in volta diversamente si realizzano i modi di vivere e di stare insieme che sono propri della civiltà europea. Tuttavia non è possibile prendere in esame tutte le piazze d’Europa. Dobbiamo contentarci di accenni, di esempi significativi dalla cui lettura ciascuno potrà trarre la propria interpretazione della piazza europea. Questo lavoro è il frutto di una ricerca comune, realizzata nel quadro del programma Cultura 2000 della Comunità Europea, che ha riunito su questo tema per la prima volta istituzioni e studiosi di diversi paesi d'Europa.

L'esposizione che presentiamo vuole essere uno strumento di conoscenza e di comparazione per questi fini. Non è quindi necessariamente una rassegna delle piazze più belle o più famose ma uno strumento di riflessione su esempi particolarmente interessanti di gestione delle piazze, di interventi architettonici ed urbanistici, di reinterpetrazione delle loro funzioni, di approfondimento del passato e di invenzione dell'avvenire.

In pieno accordo con questa prospettiva, le linee - guida per la selezione dei casi di studio sono state: il ruolo svolto storicamente dalla piazza nella vita della comunità alla quale essa appartiene, la qualità del suo stato di manutenzione e, in particolare, la qualità dell'ultimo intervento architettonico realizzato su di essa. Ci sono anche alcuni interessanti esempi di piazze create ex-novo negli ultimi decenni, che mettono in luce l'importanza dell'idea di piazza nell'urbanistica contemporanea. Ogni pannello è dotato di disegni comparativi realizzati tutti alla medesima scala.


LE 60 PIAZZE IN MOSTRA

Norvegia Kabelvåg, Kabelvåg Torg
Finlandia Helsinki, Narinkkatori et Tennispalatsi Aukio
Russia Sankt Petersburg, Dvortsovaja Ploščad'
Svezia Kalmar, Stortorget
Inghilterra Birmingham, Victoria Square
Galles Cardiff, Oval Basin
Germania Berlin, August Bebel Platz
Paesi Bassi Rotterdam, Schouwburgplein
Polonia Warszawa, Plac Zamkowy
Zamość, Rynek Wielki
Kraków, Rynek Główny
Nowa Huta, Plac Centralny
Belgio Namur, Place d'Armes
Francia Arras, Grand' Place et Place des Héros
Paris, Place Vendôme
Evry, Place de l'Agorà
Nancy, Place Stanislas
Monpazier, Place Cornières
Lyon, Place Bahadourian
Nîmes, Place de la Maison Carrée
Montpellier, Place de la Comédie
Toulouse, Place Capitole
Rep. Ceca Praha, Staromestske Namesti
Romania Baia Mare, Piata Libertatii
Ungheria Budapest, Vörösmarty Tér
Odessa Primorsky Bulvar et Potiomkinsy Skhodi
Svizzera Bellinzona, Piazza del Sole
Austria Graz, Mariahilferplatz
Italia Palmanova, Piazza Grande
Trieste, Piazza Unità d'Italia
Mestre, Piazza Erminio Ferretto
Torino, Piazza Castello
Vercelli, Piazza Cavour
Galliate, Piazza Vittorio Veneto
Bologna, Piazza Santo Stefano
Roma, Piazza di Spagna
Napoli, Piazza del Plebiscito
Matera, Piazza Vittorio Veneto
Carbonia, Piazza Roma
Salemi, Piazza Alicia
Spagna Santiago de Compostela, Praza do Obradoiro
Salamanca, Plaza Mayor
Vic, Plaza del Mercadal
Madrid, Plaza Mayor
Chinchón, Plaza Mayor
Barcelona, Plaça Reial
Barcelona, Plazas de los años 80
Archidona, Plaza Ochavada
Murcia, Plaza del Cardenal Belluga
Portogallo Coimbra, Praça Do Comércio
Lisboa, Praça Do Comércio
Slovenia Piran, Tartinijev Trg
Croazia Pag, Kralja Petra Kresimira IV Trg
Jugoslavia Beograd, Trg Republike
Grecia Portaria et Makrinitsa, Plateies Platanou
Thessaloniki, Plateia Aristotelous
Drama, Plateia Ayias Varvaras
Athína, Plateia Syntagmatos
Náfplio, Plateia Syntagmatos
Ródos, Plateia tis Panagias Bourgou

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza