Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

20/01/2009

Conferenza dei servizi sulla relazione paesaggistica del Dal Molin: Regione e Soprintendenza liquidano la questione senza approfondire le ragioni tecniche presentate dal Comune

Variati: “Una carnevalata. Pensavamo di ottenere chiarimenti sui nostri dubbi di tipo ambientale ma ci hanno totalmente ignorati. Ci riserviamo di agire sul piano legale”

“Noi ci avevamo creduto davvero. Pensavamo che la conferenza dei servizi potesse rappresentare un’occasione per chiarire i seri dubbi ambientali che la nuova base ci pone e che potesse mettere la città di Vicenza nella condizione di sapere. Invece si è trattato di una carnevalata. Come si fa a liquidare in questo modo le richieste legittime che io faccio a nome dei cittadini? Sono indignato e mi riservo di agire anche sul piano legale”.

Questo il duro commento del sindaco Achille Variati alla frettolosa chiusura dei lavori della conferenza dei servizi formata da Regione, Soprintendenza per i beni architettonici e del paesaggio e Comune di Vicenza, competente ad esprimere un parere sulla relazione paesaggistica del progetto Dal Molin. Questa mattina la delegazione formata dall’assessore Francesca Lazzari, dal dirigente del dipartimento per la progettazione e innovazione del territorio architetto Antonio Bortoli e dal dirigente del servizio amministrativo del dipartimento del territorio avvocato Loretta Checchinato, ha preso parte ad un incontro della conferenza che la stessa Lazzari ha definito “frettoloso e superficiale” e che però si è rivelato decisivo. La riunione, durata un’ora e mezza, durante la quale sono stati presentati due nuovi elaborati visti per la prima volta questa mattina dalla delegazione comunale, si è infatti conclusa con l’espressione del parere positivo alla relazione paesaggistica da parte di Regione e di Soprintendenza e da un “non parere” – che corrisponde a un parere contrario – da parte del Comune ”perché – ha spiegato la Lazzari – non siamo stati messi in grado di esprimerci con la necessaria sicurezza, documentazione e consapevolezza”.

Questa la cronistoria dei fatti. Dopo un primo incontro del 5 dicembre scorso nel quale lo stesso sindaco aveva chiesto maggior documentazione ai progettisti della nuova base, dopo le integrazioni inviate soltanto la settimana scorsa al Comune, questa mattina i rappresentanti di Vicenza hanno presentato agli altri membri della conferenza due fascicoli di approfondimenti e cartografie che danno sostanza ad una preoccupazione ambientale che la relazione paesaggistica non risolve e che va ben oltre l’analisi dell’impatto prodotto dall’intervento all’interno della fascia di rispetto dei 150 metri dal fiume.

“Gli uffici – precisa il sindaco – hanno lavorato ore e ore per approfondire questo problema, ma le loro osservazioni, tutte tecniche, non sono state nemmeno lette. Hanno detto che le passeranno a Costa? Mi chiedo a che titolo. Regione e Soprintendenza, che dovevano approfondire con noi questo delicato tema, hanno chiaramente voluto chiudere in gran fretta, anche se la conferenza dei servizi aveva 90 giorni di tempo per valutare la questione. Gli americani non si meritano tanta mediocrità; è nel loro interesse partire con i lavori in modo chiaro e tranquillo. Questa scelta assolutamente affrettata di certo non li aiuterà. Quanto a noi, siamo indignati per questo trattamento. Le integrazioni sono state accolte a tempo di record, le nostre analisi tecniche nemmeno affrontate”.

Il Comune, a questo punto, starà a vedere se il parere non unanime della conferenza dei sevizi si tradurrà comunque nel rilascio dell’autorizzazione paesaggistica da parte della Regione o se tale autorizzazione verrà demandata a una conferenza unificata di altro livello, essendosi verificata una situazione di dissenso.

Con una preoccupazione ulteriore: il cronoprogramma allegato dai progettisti alla documentazione integrativa presentata soltanto la scorsa settimana prevede ritmi di cantiere estremamente serrati e particolarmente pesanti per la zona, senza che siano state minimamente affrontate questioni di tipo viabilistico.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza