Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

08/05/2008

Vicenza Jazz: al teatro comunale Ariel e Ralph Alessi

Davvero particolare è l’abbinamento di concerti che  caratterizzerà la serata di oggi di New Conversations - Vicenza  Jazz , festival organizzato dal Comune di Vicenza con la Regione Veneto  e il Ministero per i beni e le attività culturali, con il concorso di A.I.M. e  Assicurazioni Generali. L’accostamento di gruppi è di quelli capaci di suscitare  la massima curiosità e creare la più grande sorpresa musicale. Al Teatro  Comunale, con inizio alle 21, si potrà ascoltare il quintetto This Against That   del trombettista Ralph Alessi , nel quale spicca la  presenza al sax tenore di Ravi Coltrane , oltre al contributo di una  ritmica di prim’ordine: Andy Milne (pianoforte), Drew Gress (contrabbasso) e  Mark Ferber (batteria). Alla musica di quello che è uno dei gruppi più affermati  della scena newyorkese, risponderanno le note del giovanissimo pianista  israeliano Ariel: un prodigio di soli dieci anni, per la prima volta in  Italia appositamente per le New Conversations vicentine. Ariel, che si esibirà nel primo dei due set della serata,  sarà accompagnato  da Jean Claude Jones (contrabbasso).

Ariel  è nato il 10 ottobre del 1997.  Le doti musicali di questo  giovanissimo pianista israeliano sono certamente prodigiose, ma la varietà dei  suoi interessi musicali e quanto fin qui è stato possibile sentire, richiedono  di non assimilarlo agli altri enfant prodige del mondo del jazz.

Ariel ha intrapreso lo studio del pianoforte all’età di cinque  anni. Contemporaneamente apprende il violino, mentre a sei anni inizia a  studiare composizione. Non meno precoce è, all’età di sette anni, la scoperta  del jazz, che avviene fortuitamente, cliccando su un link relativo a Earl Hines  sul web. Il jazz naturalmente diviene un altro oggetto di studio di Ariel, che a  otto anni si esibisce già nell’idioma afro-americano.

Ma gli interessi musicali del giovane musicista sono ancor più  variegati: si destreggia anche alla chitarra, la batteria e il contrabbasso. Nel  suo repertorio trovano spazio numerose composizioni classiche, da Frescobaldi a  Ligeti, passando per Haydn. Quanto al jazz, lo interessa pressoché tutto  l’arsenale stilistico di questa musica, dal be-bop al latino e la  sperimentazione. Si esibisce accompagnato da orchestre o gruppi cameristici,  compone e improvvisa negli stili più diversi, sia classici che jazz, affrontando  senza timore gli standard come la libera espressione del free jazz.

Ralph Alessi  è cresciuto nella zona di San Francisco, dove  ha fatto le prime esperienze musicali, inclusa la partecipazione alla Liberation  Music Orchestra di Charlie Haden. Si è poi trasferito a New York, sulla cui  scena è attivo dai primi anni Novanta. Alessi ha collaborato con i principali  innovatori della musica improvvisata degli ultimi due decenni, da Steve Coleman  a Uri Caine, Don Byron, Sam Rivers. Non meno significative sono state poi le  esperienze del trombettista al fianco di Bobby Previte e Tim Berne.

Alessi è oggi uno dei nomi di spicco del jazz d’avanguardia  newyorkese, riuscendo comunque a fornirne una visione che mantiene saldi  rapporti con la tradizione mainstream. Così è pure nel suo gruppo This Against  That, al quale partecipa anche uno dei collaboratori più assidui di Alessi: Ravi Coltrane, secondogenito di Alice e John Coltrane.

Ravi, nato nel 1965, ha raccolto l’eredità del padre,  imbracciando il sax tenore. Tra le sue prime esperienze musicali ci sono le  collaborazioni con Elvin Jones e Rashied Ali, storici partner di John Coltrane.  Ravi ha trovato la sua dimensione ideale nel jazz creativo newyorkese,  collaborando frequentemente con Steve Coleman e pubblicando dischi per etichette  di primo piano come RCA e Columbia. Una folta schiera di grandi musicisti lo ha  voluto ospite dei propri gruppi: McCoy Tyner, Pharoah Sanders, Carlos Santana,  Wayne Shorter, Herbie Hancock, Chick Corea, John McLaughlin…

Le prevendite per il concerto sono attivate ai botteghini del  Teatro Comunale (0444 324442) e del Teatro Olimpico, all'Agenzia Panta Rhei  (0444 320217) e nelle filiali della Banca Popolare di Vicenza, oltre che on line  attraverso il circuito Greenticket. Informazioni anche all'Assessorato alle  Attività Culturali del Comune (0444 221541; e-mail: infocultura@comune.vicenza.it); tutto il programma completo su http://www.myspace.com/vicenzajazz e su ttp://www.comune.vicenza.it

22 euro (intero) e 18 euro (ridotto).

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza