Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

19/02/2008

Giovedì 21 febbraio ad "Astra Sipario Aperto" "Jack Kerouac on the road"

Jack Kerouac e la Beat Generation. Un mondo, un clima, un modo di pensare e di vivere. Persino un modo di morire, così come denunciano le biografie, spesso brevi e intense, di molti "sacerdoti" di questa corrente. Un universo all'apparenza chiuso in una manciata d'anni e in alcuni nomi di scrittori e artisti, musicisti e poeti; in realtà, capace di attraversare gli anni con una straordinaria onda lunga e di far germogliare qua e là nuove gemme culturali, musicali, artistiche.

È dunque alla Beat Generation e in particolare a Jack Kerouac, che ne fu il padre spirituale, che Theama Teatro dedica, in collaborazione con il Circolo Ezra Pound, il recital in programma giovedì 21 febbraio alle 21 al Teatro Astra di Vicenza, appuntamento inserito nella rassegna "Astra Sipario Aperto", voluta dall'assessorato per i giovani e l'istruzione del Comune e affidata, per la parte artistica e organizzativa, alla stessa Theama. 

Sei gli attori che si avvicenderanno sul palcoscenico: Anna Zago, Aristide Genovese, Piergiorgio Piccoli e i giovani Andrea Ortese, Sara Tamburello e Loris Rampazzo. Con loro anche il musicista Igi Meggiorin, a curare la colonna sonora di una serata che sarà una sorta di antologia recitata di alcuni tra i nomi più rappresentativi del periodo della Beat Generation. Su tutti, naturalmente, quello di Jack Kerouac (1922 - 1969), lo scrittore statunitense che alla "generazione battuta" o "mistica" - a seconda del significato che al termine "beat", fra i numerosi, si vuole attribuire - diede un nome e una strada da seguire. Ed è proprio la strada uno degli elementi essenziali di questo movimento culturale di rottura che, negli anni Cinquanta, portò l'America lungo sentieri fino ad allora rimasti nell'ombra, tra gli emarginati, gli sconfitti, le vite bruciate, percorsi correndo su un filo teso tra autocoscienza e autodistruzione.

Tra i brani in programma, pagine tratte da Keroauc (in particolare da "On the road", testo di riferimento per la Beat Generation), Allen Ginsberg, Lawrence Ferlinghetti, Gregory Corso, Ted Berrigan, John Giorno, proposte in alcuni casi in interessanti versioni drammatizzate. In più, un'incursione nell'opera di Boris Vian, significativo rappresentante francese della cultura pop.

Lo spettacolo è un ampliamento e un approfondimento di quello presentato fra il 2000 e il 2001 in occasione della mostra vicentina dedicata all'artista Paul Jenkins.

Informazioni e prenotazioni: Theama Teatro, stradella delle Barche, 7 a Vicenza (tel. 0444 322525 al mattino; in altri orari 348 0035186). Biglietti: a 8 euro (6 per i possessori di Carta 60).

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza