Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

11/02/2005

Un progetto contro il disagio dei ragazzi delle medie

Un progetto contro il disagio dei ragazzi delle medie

E' stato presentato questo mattina a Palazzo trissino un progetto contro il disagio dei ragazzi delle scuole medie. Erano presenti gli assessori per i giovani e l'istruzione Arrigo Abalti e per i servizi sociali Davide Piazza, il poresidente della circoscrizione 6 Matteo Tosetto e Urbano Bonato, direttore dell'istituto comprensivo 8.
La recente approvazione del piano di interventi previsti dal fondo regionale per l'infanzia e l'adolescenza (ex legge 285/97), permette all'Amministrazione Comunale, d'intesa con le scuole della città e l'Ulss n. 6, di realizzare attività educative e di recupero delle situazione di difficoltà per rafforzare, nei ragazzi che frequentano la scuola media, la capacità di migliorare la conoscenza di sé e ri-motivarli allo studio e alla formazione, fornendo strumenti per comunicare in modo efficace, anche al fine di renderli maggiormente protagonisti della propria vita e fare scelte consapevoli. Il progetto, nel suo insieme, intende perseguire i seguenti obiettivi:
· promozione di azioni per facilitare e sostenere i percorsi di crescita;
· prevenire il disagio sperimentando modalità comunicative differenti;
· permettere il riconoscimento e la presa di coscienza dei vissuti emotivi;
· offrire al minore figure di riferimento che lo aiuti nella conoscenza di sé attraverso l'esplorazione dei propri punti di forza, e/o di debolezza
· rinforzare le abilità sociali dei minori;
· fornire agli adulti chiavi di lettura e strumenti per la realizzazione di aiuto al minore.

Sul piano metodologico si articola in tre azioni:


AZIONE 1: alunni stranieri

L'azione prevede un ampliamento delle azioni di mediazione linguistico-culturale con una collaborazione fra assistenti sociali, mediatori culturali ed educatori per assistenza- socio-educativa dei minori stranieri in carico ai servizi sociali. Si perseguono le finalità di un inserimento degli alunni stranieri in difficoltà nelle attività di doposcuola, la loro socializzazione e integrazione sociale ed educativa.
Questa azione sviluppa gli interventi già approvati per le scuole cittadine relativi all'accoglienza ed inserimenti degli alunni stranieri.

AZIONE 2: punto di ascolto :

E' uno spazio di consulenza ed ascolto rivolto a ragazzi, insegnanti e genitori da realizzarsi all'interno delle 11 scuole medie cittadine con professionisti psicologi al fine di supportare con misure di accompagnamento i bambini e i ragazzi che presentano difficoltà di apprendimento, di relazione familiare e sociale. Il compito dello psicologo non sarà, naturalmente, quello di intervenire sui singoli casi, ma di aiutare i Consigli di Classe, i genitori e i ragazzi a comprendere le situazioni di disagio per poi predisporre interventi di recupero e di ri-motivazione da parte dei docenti, in stretto contatto con i genitori e con i servizi territoriali (consultori, assistenti sociali ecc.)

AZIONE 3: sostegno alle attività didattiche:

Il servizio è prioritariamente offerto a ragazze e ragazzi che frequentano le scuole medie è aperto a tutti i ragazzi, e offre una particolare attenzione a quelle situazioni nelle quali è necessario un intervento di rafforzamento delle capacità personali. L'obiettivo è quello di offrire alle famiglie, in accordo con gli insegnanti, un luogo sicuro nel quale i ragazzi possano sperimentare relazioni positive. Il servizio sarà attivo sperimentalmente per l'anno scolastico in corso in 2 scuole della zona ovest della città e prevede un numero massimo di 30 ragazzi per sede.



Inoltre, per migliorare l'aggregazione e la presenza attiva nella comunità locale dei giovani compresi nella fascia d'età 6-17 anni, l'Amministrazione Comunale, d'intesa con le scuole superiori della città, intende offrire spazi di animazione creativa e favorire occasioni di partecipazione e gestione diretta dei giovani alle iniziative promosse dagli enti istituzionali, con particolare riferimento ai temi della cittadinanza attiva e della comunicazione.
Il progetto denominato "Studenti animatori" prevede il coinvolgimento di circa 70 giovani che frequentano gli istituti superiori della città con un percorso formativo così articolato:

a) corso residenziale di formazione e costituzione di tre gruppi di lavoro sui temi della creatività artistica, della comunicazione e partecipazione civica, dell'organizzazione di eventi rivolti alle scuole (orientamento scolastico, gestione delle assemblee)
b) corso artistici laboratoriali
c) avvio di una sperimentazione giovanile di e-democracy.

Complessivamente il progetto prevede un finanziamento biennale regionale così suddiviso:

€ 16.000,00 per l'animazione giovanile

€ 82.000,00 per il sostegno socio-educativo extra-curricolare

€ 26.800,00 per il punto di ascolto e consulenza

€ 3.000,00 per interventi specifici di accoglienza a favore degli allievi stranieri

Impegno complessivo per il 2005 e 2006 : 127.800,00 euro.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza