Città di Vicenza

02/01/2018

Front Office, prevista per metà marzo l'apertura in via Torino

Assessore Zanetti: “In un unico spazio tutti i servizi al cittadino, a partire da demografici e tributi”

Dopo la fase della formazione, scatta quella della condivisione del progetto. Con l'obiettivo di offrire un servizio più efficiente ed efficace ai 18 mila cittadini che si rivolgono ogni anno agli sportelli del Comune e un posto di lavoro più accogliente e funzionale ai dipendenti”.

Queste le parole utilizzate dall'assessore alla semplificazione e innovazione tecnologica Filippo Zanetti per fare il punto sullo stato di avanzamento del nuovo Front Office comunale che in via Torino concentrerà tutti i servizi al cittadino, a partire da quelli demografici e dei tributi, oggi erogati rispettivamente in piazza Biade e in piazzetta San Biagio.

Si tratta di un progetto – ha precisato oggi l'assessore Zanetti – che sta procedendo spedito sia sul fronte dei lavori di ristrutturazione e riqualificazione dell'edificio, secondo le più innovative regole dell'efficientamento energetico, sia dal punto di vista organizzativo, con la costituzione di una nuova unità di progetto intersettoriale, coordinata dalla dottoressa Sara Bertoldo dirigente del Sistema informativo comunale, che avrà il delicato compito di consegnare il nuovo servizio già operativo alla nuova amministrazione”.

La struttura sarà dotata di un Infodesk di prima accoglienza per le informazioni e le pratiche più rapide, di operatori polivalenti, detti “consulenti del cittadino”, per l'erogazione di servizi fino a 30 minuti e di “specialisti” con competenze più specifiche, occupati nel back office, per un totale di circa 80 persone.

Si partirà con il trasferimento dei servizi demografici e con quelli dei tributi, a cui si affiancheranno via via servizi erogati ai cittadini da settori come polizia locale, mobilità e trasporti, servizi abitativi.

Quanto ai tempi di apertura del Front Office, nello stabile di via Torino sarà conclusa per metà febbraio la riqualificazione di interrati, piano terra riservato agli 8 operatori dell'Infodesk e alle 26 postazioni dei “consulenti del cittadino” e primo piano destinato alla cinquantina di “specialisti”. Servirà quindi un mese di tempo per allestire i nuovi ambienti e testare tutte le procedure, con l'obiettivo di aprire i nuovi sportelli a metà marzo, in modo da non interferire con l'attività elettorale a cui il Comune deve far fronte per le consultazioni politiche del 4 marzo.

Ma il nuovo Front Office non avrà una struttura rigida e preimpostata – ci tiene a precisare l'assessore Zanetti – perché i cambiamenti tecnologici e l'evoluzione della pubblica amministrazione impongono un modello leggero, fluido, capace di modificarsi a partire dalle reali necessità del cittadino. Per questo motivo, dopo la fase della formazione motivazionale e professionale dei dipendenti selezionati e individuati per questa nuova sfida, e opportunamente incentivati, entriamo ora nella fase della condivisione in cui tutti - amministrazione, personale e successivamente anche cittadini – potranno contribuire “sul campo” a rendere più performante il servizio”.

Senza contare che l'apertura dei nuovi sportelli di via Torino, ben serviti dai mezzi pubblici e con possibilità di sosta privata, vicini alla stazione, allocati sul percorso del futuro bus elettrico, porterà con sé benefici in termini di presidio e riqualificazione dell'intera area.

Quanto alle attuali sedi comunali, in piazza Biade – dove resteranno tutti gli uffici tecnici e il Suap – arriveranno servizi come il Patrimonio e Cercando il lavoro che lasceranno completamente libero e disponibile all'eventuale alienazione palazzo ex Aci di piazzetta San Biagio, le cui spese di gestione e manutenzione oggi risultano particolarmente onerose.

Galleria fotografica

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.