Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

Sei in: > Area Stampa

28/04/2014

Acquedotto romano di Lobia, avviato il procedimento per l’eliminazione dei rifiuti

L'imposizione ai privati. Variati: “Non è accettabile che ci siano pneumatici e calcinacci depositati accanto al patrimonio che vogliamo valorizzare”

Avviato il procedimento amministrativo per eliminare i rifiuti che si trovano a pochi metri dall’acquedotto romano di Lobia. Questa mattina il settore Ambiente, tutela del territorio e igiene, su indicazione del sindaco Achille Variati, ha inviato l’avviso ai proprietari del terreno privato ad uso agricolo che costeggia l’acquedotto romano a Lobia per imporre un decoro maggiore nell’area.

Il nostro obiettivo è valorizzare il patrimonio artistico, storico e culturale della città – spiega il sindaco – e per questo motivo non è accettabile che vicino a una testimonianza di epoca romana del nostro passato ci siano cumuli di rifiuti, anche se in proprietà privata, che dovranno ora essere eliminati. In particolare, negli ultimi anni abbiamo valorizzato i reperti romani inseriti in un percorso specifico, l’itinerario archeologico 'Vicenza Romana', e stanno per essere riportati alla luce i resti dell’acquedotto lungo corso Fogazzaro. È necessario quindi eliminare anche gli elementi di degrado che attualmente sono a pochi metri dall’acquedotto romano di Lobia”.

Recentemente la polizia locale ha effettuato un sopralluogo all’acquedotto di Lobia e oggi è stato avviato il procedimento amministrativo relativo al rispetto del decreto legislativo 152 del 2006 riguardante le norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati “con particolare riferimento alla presenza di rifiuti – si legge nel documento - depositati e costituiti da numerosi pneumatici obsoleti, depositati in maniera disordinata e senza alcun riparo, materiale di risulta e blocchi di calcestruzzo fra la vegetazione arborea, materiale ligneo degradato e pannelli ondulati vetusti e di percolato proveniente da silos posto lungo la recinzione”.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza