Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Sei in: > Area Stampa

27/01/2014

Giornata della Memoria, Variati ha ricevuto Enzo Ronchetti, sopravvissuto ai lager

“Importante il ricordo come difesa contro l’intolleranza e la violenza”

La memoria è il fondamento e il collante della comunità, ma anche la sua difesa contro i pericoli dell’intolleranza e della violenza contro chi è considerato diverso”. È il commento del sindaco Achille Variati in occasione della “Giornata della Memoria” che si celebra oggi in commemorazione delle vittime dell’Olocausto.

È importante ricordare le tragedie del passato per evitare che si ripetano – prosegue il sindaco -. L’intolleranza e l’odio di cui si è alimentata nel secolo scorso l’ideologia totalitaria che pianificava l’annientamento di persone differenti per etnia, religione o altre condizioni, sono pericoli sempre attuali. Il 27 gennaio del 1945 si aprirono i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz e furono evidenti al mondo intero i crimini del regime nazista contro ebrei ed altri internati. A 69 anni da quella data, il nostro compito è fare in modo che non si ripetano simili orrori attraverso il ricordo, in particolare con il coinvolgimento delle giovani generazioni”.

Proprio oggi, per il tramite del consigliere comunale Raffaele Colombara, il sindaco ha ricevuto nel suo ufficio di palazzo Trissino Enzo Ronchetti, nato a Novi di Modena il 19 marzo 1924 e residente a Vicenza dal 1956, sopravvissuto ai lager nazisti di Buchenwald e Bremervörde, dove venne internato all'età di 18 anni.

Accompagnato da due dei tre figli, dalla nuora e dai nipoti, oltre che da Colombara, Ronchetti – che negli anni '80 è stato anche consigliere dell'Ipab di Vicenza per tre mandati - ha raccontato al sindaco la sua tragica esperienza iniziata l'8 settembre 1943, ripercorrendo i fatti immortalati da lui stesso, pittore, in alcune decine di acquerelli, completi di didascalia (la cattura, i tentativi di fuga, gli esperimenti sui corpi dei prigionieri, le percosse, i lavori forzati, i letti a castello nelle baracche dei lager...).

È stato il terremoto nella mia Emilia di due anni fa a sbloccarmi – ha svelato Ronchetti –, perchè prima d'allora non ero mai riuscito a raccontare nulla a nessuno, neanche ai famigliari: quelle sofferenze mi sembravano troppo atroci e brutali per essere comprese. E oggi mi portano a raccomandare alle nuove generazioni soprattutto la tolleranza”.

Galleria fotografica

Enzo Ronchetti e i famigliari con il sindaco Variati e il consigliere Colombara

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza