Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

12/12/2013

"Discorso giallo": Fanny & Alexander per la prima volta a Vicenza

Il 13 dicembre al Teatro Astra la storica compagnia di ricerca romagnola

È da vent’anni una delle compagnie di punta del teatro di ricerca italiano, impegnata nella sperimentazione e nella contaminazione tra metodi e discipline artistiche, nonché una delle formazioni più interessanti a livello europeo. Per la prima volta a Vicenza, FANNY & ALEXANDER sbarca venerdì 13 dicembre (ore 21) al Teatro Astra con il suo ultimo lavoro “DISCORSO GIALLO”, all’interno della stagione “SIAMO UMANI 13-14”, il progetto de La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile di Innovazione per il Comune di Vicenza con il sostegno di Ministero dei Beni Culturali, Regione del Veneto, Provincia di Vicenza, Circuito Teatrale Arteven e Askoll.

Al termine dello spettacolo, la compagnia incontrerà il pubblico con la redazione della Webzine di informazione e critica teatrale Il Tamburo di Kattrin.

Frutto della collaborazione tra i due fondatori storici della compagnia, Chiara Lagani (interprete e autrice della drammaturgia) e Luigi De Angeli (alla regia), lo spettacolo esplora la storia della “pedagogia” televisiva dagli anni Sessanta fino ai giorni nostri: dalle originarie istanze orientate al recupero dell’analfabetismo e delle carenze scolastiche, passando per palcoscenico dei buoni sentimenti targato anni Ottanta in cui, tra aneddoti e canzoncine, i bambini diventano oggetto di spettacolo per il pubblico adulto, fino alla proposta agonistica del talent show degli anni Duemila con i suoi effetti sulle giovani generazioni.
Accompagnata dal progetto sonoro di The Mad Stork e dalle maschere di Nicola Fagnani, Chiara Lagani mette in scena in chiave concertistica una figura metamorfica, un emblematico adulto/bambino, allievo/maestro/conduttore, soggetto e oggetto di alcuni famosi programmi televisivi che si intrecciano e si sovrappongono attraverso le voci dei loro protagonisti: dall’esempio virtuoso del maestro Alberto Manzi di “Non è mai troppo tardi”, a Sandra Milo in “Piccoli fans”, fino a Maria De Filippi in “Amici”.

Lo spettacolo è la seconda tappa del progetto triennale “DISCORSO (2011/2014)” che, a partire dalle forme primarie tradizionali del discorso pubblico (politico, pedagogico, religioso, sindacale, giuridico, militare) indaga il rapporto ferito tra singolo e comunità.
“Cosa significa pubblico? Cosa è comune? Quand’è che un gruppo raccolto attorno a un individuo può dirsi comunità? – commenta la compagnia -. Chiara è una scolaretta invecchiata con telecomando in mano, incarnazione di una società adulta ma incapace di crescere. Il giallo allude alla coercizione, al divieto, come il cartellino dell’arbitro che ammonisce e le strisce sull’asfalto che interdicono la sosta. Giallo come i lavori in corso, indizio di zone proibite. Giallo come il semaforo: attesa, limbo. Acido e luce. Ma è anche il colore della luce e del sole, il colore dell’infanzia, che è al centro del lavoro. Giallo è un bagliore che a tratti inonda la stanza, a volte buia, dei sistemi umani pieni di possibilità e atroci contraddizioni. David Forster Wallace, a proposito della cultura televisiva, affermava: perché vi siamo così immersi se la odiamo tanto?”

Gli abbonamenti a 5 spettacoli a scelta libera (intero 55 euro, ridotto euro 45) e i biglietti (intero 13 euro, ridotto 11 euro, diritti di prevendita 1,50 euro) sono in vendita negli uffici del Teatro Astra con orario 9.30-13 e 15-18. Anche quest’anno torna la promozione per gruppi di min. 10 persone (10 euro) e per gli studenti delle scuole superiori (9 euro).

A partire dalle ore 20 è a disposizione del pubblico il parcheggio della Provincia di fronte al teatro. Data la capienza limitata, si consiglia di arrivare con anticipo. Prima e dopo lo spettacolo sarà attivo il punto di ristoro Equobar, con i suoi prodotti di caffetteria, pasticceria e snack equosolidali, biologici e a km zero.

La compagnia Fanny & Alexander è stata fondata a Ravenna nel 1992 da Luigi de Angelis e Chiara Lagani, ai quali si affianca successivamente Marco Cavalcoli. La loro sede, l’Ardis Hall, è diventata un vero e proprio luogo di produzione e diffusione di sperimentazioni artistiche su varia scala e secondo formati diversi: spettacoli teatrali, produzioni video e cinematografiche, installazioni, azioni performative, mostre fotografiche, convegni e seminari di studi, festival e rassegne. Affascinati da un andamento progettuale, tra le loro principali produzioni gli undici lavori – divisi fra installazioni performance e concerti – ispirati a  “Ada o Ardore”  di  Vladimir Nabokov (Premio Ubu speciale 2004/5). Per la realizzazione di video e film, il progetto vede la collaborazione di Zapruder filmmakersgroup, che ha  spesso accompagnato le produzioni della formazione ravennate. Con lo spettacolo “West” (Premio Ubu 2010 a Francesca Mazza come Migliore attrice protagonista) Fanny & Alexander ha recentemente completato un articolato progetto ispirato a “Il Mago di Oz”.

Informazioni per il pubblico
Ufficio Teatro Astra
contrà Barche 55
telefono 0444 323725 - mail: info@teatroastra.it
www.teatroastra.it

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Infrastruttura Internet a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza