Città di Vicenza

04/10/2013

"Ponti di pietra, ponti di parole", a ponte S. Michele domenica 6 ottobre

Dialogo interculturale tra le due sponde del Retrone

Domenica 6 ottobre alle 20.45, dopo il rinvio causato dal maltempo lo scorso 29 settembre, il celebre ponte seicentesco – memore della presenza letteraria di Neri Pozza – accoglie tra le sue sponde un inedito dialogo interculturale: le immagini poetiche di Ivo Andrić e di Mak Dizdar incontreranno una serie di brani della grande letteratura italiana, legati al tema del ponte come luogo di incontro tra le civiltà e le generazioni.
Organizzato in collaborazione con l'assessorato alla crescita del Comune di Vicenza, con Progetto arca delle memorie, le associazioni culturali Itinerari letterari, Casa Lorca e Bàilam Teatro, l'associazione Centro documentazione e studi Presenza Donna, l'appuntamento culturale dal titolo “Ponti di pietra, ponti di Parole” (a partecipazione e offerta libera), è ideato e diretto da Agata Keran con Giulia Basso, e le voci narranti di Stefania Carlesso ed Emiliano Gregori, e con l'intervento di Federica Cacciavillani, presidente dell’associazione Presenza Donna.
In caso di maltempo l’evento verrà ospitato nella vicina Loggia del Capitaniato.
Intrisa di rimandi poetici e religiosi, l'intitolazione del ponte vicentino all’angelo ardente protettore di viandanti e di pellegrini di ogni dove, pone l'interrogativo di dove stia il “fuoco”, il quarto elemento, in un arco di pietra sopra le acque, sospeso tra il cielo e la terra. La risposta suggerita è spirituale: custode di soglie, lo stesso arcangelo è metaforicamente un ponte che sostiene e accompagna le anime in viaggio verso la luce.


Per informazioni: 373 7394088 – facebook.com/itinerari.letterari.