Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

02/08/2013

Firmato l'accordo sulle aree ex Zambon: a carico della societa' i costi della bonifica

Sorgeranno nuove residenze di pregio. Al Comune un grande parco pubblico e un nuovo parcheggio

E' stato firmato nei giorni scorsi, dopo il riconoscimento dell'interesse pubblico approvato dal consiglio comunale, l'accordo tra Comune e Zambon per la bonifica e la riqualificazione della storica area ex industriale tra via Monte Zovetto e via Cappuccini.

Alla firma erano presenti il sindaco Achille Variati, accompagnato dall'assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonia Dalla Pozza che con i settori ambiente e urbanistica ha seguito il lungo iter verso la definizione della bonifica e dell'accordo urbanistico, ed Elena Zambon, presidente di Zampon SpA in rappresentanza della proprietà.

L'accordo prevede che la società si faccia carico della bonifica dei terreni con un esborso di 24,5 milioni di euro, di cui 1,5 milioni destinati agli interventi di emungimento e depurazione delle acque che potranno protrarsi anche per 20 anni dopo la fine dei lavori.

Il Comune ottiene 16 mila metri quadrati - praticamente la metà dell'area - di parco attrezzato e un parcheggio pubblico di 3 mila metri quadrati che darà risposta alla congestione della sosta in quel comparto.

Dopo la bonifica, che durerà circa tre anni, Zambon dovrà presentare un piano attuativo per la realizzazione, su 7 mila metri quadrati posizionati sul lato nord dell'area, di edifici residenziali per un volume massimo di 30 mila metri cubi, che consumeranno meno territorio sviluppandosi in altezza, e che sorgeranno su una piastra di 5 mila metri quadrati riservata a parcheggi e autorimesse private.

Le nuove costruzioni dovranno rispettare i principi della bioarchitettura, dal risparmio energetico all'utilizzo delle energie rinnovabili.

L’accordo prevede anche l'abbandono del contenzioso in essere tra il Comune di Vicenza e Zambon sui costi e responsabilità di bonifica dell’area.

Il passo successivo, oltre alla bonifica, sarà l’approvazione da parte del consiglio comunale della variante urbanistica che recepirà i contenuti urbanistici dell’accordo nel Piano degli Interventi tramite una scheda urbanistica. Tale scheda normerà l’attuazione degli interventi, i parametri urbanistico-edilizi, le opere di urbanizzazione e i principali aspetti da inserire nella convenzione attuativa da sottoscrivere entro un anno dall’entrata in vigore della variante al PI. Seguirà l’approvazione del Piano Urbanistico Attuativo (PUA) con il quale verranno definite in modo puntuale le caratteristiche plani-volumetriche degli edifici e le opere di urbanizzazione.

L’accordo firmato dà attuazione ad una delle più importanti azioni di riqualificazione previste dal PAT del Comune di Vicenza e persegue gli obiettivi per la cosiddetta “Spina Ovest”, cioè la riconnessione delle relazioni tra le parti della città, il potenziamento della componente ambientale della città consolidata, il rafforzamento dei servizi pubblici e di pubblico interesse, la promozione e il supporto alla mobilità sostenibile, la promozione di interventi edilizi di elevata qualità architettonica e costruttiva.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza