Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

12/07/2013

“Il Giro della Rua”, venerdì 6 settembre con la regia di Pino Costalunga

Per il quarto anno consecutivo, dopo l’esordio de “Il Giro della Rua” nel 2010 grazie alla costituzione di un apposito comitato ed all’allestimento dell’imponente Rua tra le due colonne di piazza dei Signori, torna la festa di tutti i vicentini con la sfilata lungo le vie del centro storico ed il grande spettacolo in piazza dei Signori, eccezionalmente nella serata di venerdì 6 settembre.

Da quest’anno “Il Giro della Rua” la Regione ha inserito la festa nel registro delle manifestazioni locali ad interesse storico, a cui si può accedere dopo l’organizzazione di almeno tre edizioni.

Il comitato per la Rua, in accordo con l’amministrazione comunale, ha affidato anche quest’anno la regia della festa a Pino Costalunga, attore e regista vicentino e al suo gruppo, Glossateatro, visto il successo di pubblico e l’interesse riscosso nell’edizione precedente.

L'edizione 2013 de “Il Giro della Rua” sarà dedicata alle numerose associazioni che ogni anno partecipano attivamente all'evento e che avranno quest'anno una maggiore visibilità, affinchè sia una festa di comunità. La manifestazione è entrata a far parte delle feste storiche del Veneto, tra le quali risulta essere la più antica insieme a quella veneziana dello “Sposalizio del mare”. Le precedenti edizioni, vive e animate, hanno visto la partecipazione di 15-20 mila persone.

La festa della Rua si terrà venerdì 6 settembre e non più il sabato come avvenuto nelle precedenti edizioni. Sabato 7, infatti, sarà dedicato alle celebrazioni religiose ed in particolare alla processione a cui si unirà anche il “Gioiello di Vicenza” che verrà riconsegnato ai vicentini. Domenica 8 piazza dei Signori ospiterà il mercato dell'antiquariato, che riprenderà dopo la pausa estiva, e quindi non sarà possibile attraversare la piazza con il corteo.

Per la prossima edizione, dopo la sfilata la serata prenderà il via con la grande festa in piazza che proporrà un'allegra operetta composta per l'occasione e che, dopo l'accensione della Rua, si concluderà con lo spettacolo dell'Anonima Magnagati.

Ancora una volta, per l'edizione 2013, prevarrà l’idea della festa, nel senso antico del termine, cioè di momento di spettacolo in cui la città si riconosce, si racconta e si esibisce.

Attraverso il perpetuarsi di un "gesto tradizionale", tanto più utile in momenti di crisi come quello attuale, la città può riconoscersi in una storia, fatta di momenti tragici e di momenti felici, che può insegnare come l'unità e la consapevolezza di essere cittadini possa giovare al presente che può prendere forza dall'esempio e dalle tracce lasciate dal passato.
Il simbolo della Rua (la ruota che gira) nasce storicamente come rappresentazione della rotazione degli incarichi dei Nodari, ma si possono leggere anche la metafora della “ruota della storia e della vita”, del concetto che tutto parte da un punto per poi arrivare allo stesso punto, dell’idea che la storia è fatta di un ieri, di un oggi e di un domani sempre concatenati, di un tempo che va e che ritorna.
La festa-spettacolo di quest’anno tiene conto di questa idea di partenza, di una città che racchiude al suo interno la tradizione ma che si apre al mondo.

Il programma
Anche quest’anno la festa inizierà con il corteo preceduto dalla “ruetta” portata a spalla da rappresentanti del mondo dell’associazionismo vicentino, accompagnata come ormai da tradizione dalla Fanfara storica degli Alpini e da circa 100 figuranti dell’associazione “Amici di Thiene”.
Nelle settimane scorse tutte le associazioni della città, sportive, di quartiere, del volontariato, le confraternite, gli ordini professionali, le categorie economiche, le associazioni combattentistiche e d’arma, sono state inviate a partecipare anche quest’anno alla sfilata lungo lo storico percorso dando la loro adesione entro il 31 luglio prossimo.
Il corteo, che partirà da piazza Duomo alle 20.15, coordinato e “instradato “ da un conduttore presentatore, sarà animato lungo tutto lo storico percorso, contrà Vescovado, piazza Castello, corso Palladio, contrà Santa Barbara fino all’arrivo in piazza dei Signori, da gruppi di spettacolo itinerante, sbandieratori, trampolieri ed altri.
Una banda musicale intratterrà il pubblico già presente in piazza durante lo svolgimento della sfilata.
Proprio perchè si tratta di una festa che caratterizza la tradizione di Vicenza tutte le attrazioni coinvolte avranno il carattere della vicentinità.
Dopo l’arrivo di tutto il corteo in piazza avrà inizio la festa che, prima del suggestivo e sempre molto atteso momento dell’accensione della Rua con lo spettacolo di luci e suoni, proporrà una breve ed allegra operetta composta per l’occasionee presentata dal vivo da cantanti e cantattori, che racconterà di un ieri e di un oggi a Vicenza, ai tempi della Rua di allora e a quelli della Rua di oggi, mescolando il dialetto all’italiano e alle altre lingue che oramai numerose si sentono in città.
Dopo l’ufficialità dei saluti e l’emozione dell’accensione, il palcoscenico sarà lasciato allo spettacolo di un’ora circa dell’Anonima Magnagati che rappresenta al meglio, da molti anni, il volto giocoso e tradizionalmente scherzoso e popolare della città.
La serata di festa proseguirà poi ancora con la musica della banda musicaleche intratterrà allegramente il pubblico presente in piazza.
Anche quest’anno, a completare la festa ci sarà lo spazio dedicato alla cucina vicentina, secondo le migliori tradizioni popolari della festa della Rua, con i ristoratori di Confartigianato Vicenza che, in accordo con l’amministrazione comunale, allestiranno un apposito stand gastronomico con i menù realizzati con prodotti esclusivamente vicentini e di stagione e particolare attenzione ai prodotti De.Co. e ai vini del territorio.
L’intera piazza Biade diventerà così un ristorante a cielo aperto attivo nella serata di venerdì 6 per tutta la durata della festa e nella giornata di sabato 7 settembre.

Il manifesto
La festa avrà anche un nuovo manifesto. E' stato realizzato dalla giovane studentessa del corso di laurea in disegno industriale dello Iuav di Venezia Alessandra Smiderle, vincitrice lo scorso anno del concorso per l’ideazione del manifesto per l’edizione 2012, che ha voluto generosamente offrire quest’anno una sua rivisitazione grafica e cromatica della sua precedente opera realizzata nei colori della città, il bianco ed il rosso.

Sponsor e sostenitori
Molti gli sponsor ed i sostenitori, tra cui Aim Gruppo, che anche quest’anno non faranno mancare il loro contributo alla manifestazione e che saranno pubblicamente ringraziati durante la presentazione del programma definitivo della manifestazione in tutti i suoi dettagli nell’imminenza della festa.

Il francobollo
Dall’intesa tra il Comitato per la Rua di Vicenza, Confartigianato di Vicenza e il Comitato per il Gioiello di Vicenza è nato il progetto per un francobollo celebrativo dedicato a “Il Giro della Rua”. Per la realizzazione del francobollo, che farà parte della serie tematica “folclore italiano”, gli organizzatori hanno pensato di coinvolgere i giovani con la pubblicazione di un bando di concorso come è avvenuto lo scorso anno con la realizzazione del manifesto per l'edizione 2012 de “Il Giro della Rua”.
L’iter da seguire per l'ottenimento del francobollo è abbastanza complesso e durerà circa un anno. L'autorizzazione dell'emissione del francobollo avviene infatti con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Ministro dello sviluppo economico.
Una volta decretato il bozzetto vincitore tra quelli pervenuti verrà inoltrato al Ministero per lo sviluppo economico, competente per l’emissione dei valori postali.
Per rafforzare e dare maggior valore alla richiesta e avere quindi maggiori opportunità che vada a buon fine, è stato chiesto il patrocinio all’iniziativa, che non comporta alcun onere, a numerosi enti ed organizzazioni pubbliche e private, ad associazioni culturali, al mondo economico.
Al bando potranno partecipare giovani fino ai 35 anni che dovranno inviare i loro elaborati entro le ore 12 del 5 agosto all'ufficio turismo del Comune (tutte le informazioni in questo sito)

La storia della festa
“Il Giro della Rua” è una festa antichissima di Vicenza che ha attraversato e vissuto con la città l’alternarsi di diverse fasi storiche, dominazioni, trasformazioni culturali e sociali della comunità vicentina. Riprende quella che dal 1444, data della prima uscita della Rua in città, è stata la più importante occasione di festa popolare cittadina, prima religiosa in occasione della festività del Corpus Domini e poi sempre più laica, fino a divenire l’emblema di ogni grande avvenimento cittadino.
L’ultima uscita del macchinario trasportabile, realizzato su disegno di Andrea Palladio, completato e rielaborato da Francesco Muttoni, risale al 1928, prima di essere distrutta durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale.
La Rua “contemporanea” di proprietà di AIM, che anche quest’anno la metterà a disposizione della città, è stata ricostruita a grandezza naturale nei suoi 24 metri di altezza e 200 quintali di peso nel 2007 in occasione dei 100 anni di attività di Amcps (ora Aim Amcps di AIM Gruppo). A differenza dei macchinari precedenti non può essere trasportata e, quindi, rimane fissa all’ammirazione del pubblico tra le due colonne di piazza dei Signori.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza