Città di Vicenza

28/06/2013

Dirigenti comunali, scendono da sette a tre gli incarichi a tempo

Passa invece a tempo indeterminato la direzione del settore Servizi sociali

Servizi sociali e abitativi, Cultura e turismo, Servizi scolastici ed educativi e Infrastrutture: sono i quattro settori sui sette attualmente vacanti (gli altri tre sono i Lavori pubblici, l'Edilizia privata e il Servizio amministrativo del dipartimento territorio) cui la giunta nei giorni scorsi ha deciso di dare priorità con l'avvio delle procedure selettive per i rispettivi posti di dirigente, scaduti lo scorso 1 giugno in concomitanza con la scadenza del mandato amministrativo 2008-2013.

Lo ha annunciato a palazzo Trissino nei giorni scorsi il sindaco Achille Variati, affiancato dall'assessore alla semplificazione e innovazione Filippo Zanetti e dal direttore generale Antonio Bortoli, spiegando i vincoli che impone il quadro normativo.

La legge infatti – che tende sempre più alla riduzione delle spese di personale, anche per i Comuni come Vicenza che hanno sempre rispettato il patto di stabilità interno – impone all'amministrazione di rideterminare la dotazione organica del personale dirigenziale scendendo dagli attuali 22 posti a 18 complessivi, compresi quelli a tempo determinato, che, sempre per legge, per un Comune come Vicenza corrispondono a 3 unità.