Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

30/04/2013

Dire poesia, il Veneto diventa arte con Luciano Cecchinel e Marco Munaro

Sabato 4 maggio a Palazzo Chiericati

È un incontro suggestivo, un connubio tutto da scoprire quello tra Luciano Cecchinel e Marco Munaro che saranno protagonisti, sabato 4 maggio (ore 18.00) a Palazzo Chiericati a Vicenza, del sesto appuntamento di Dire poesia 2013, il mosaico di incontri con i nomi di spicco della poesia nazionale e internazionale contemporanea promosso dal Comune di Vicenza - Assessorato alla Cultura e Intesa Sanpaolo.
Luciano Cecchinel e Marco Munaro, due poeti, studiosi, artisti in grado di sublimare il veneto e l’italiano attraverso la poesia per renderli realtà viva, aperta a più forme e sensi, capace di scavare nelle pieghe dell’animo umano e creare altri mondi, altre figure e realtà.
Luciano Cecchinel, trevigiano di Revine Lago, è stato definito dal critico letterario Cesare Segre “grande artista e grande artefice”, autore di opere che stanno “al livello più alto della poesia”. 67 anni, Cecchinel è poeta e studioso delle tradizioni popolari e porta in sé il concetto del “doppio” – uno dei fili conduttori dell’edizione 2013 di Dire poesia -, componendo sia in dialetto trevigiano sia in italiano.  Considerato da Andrea Zanzotto, a cui lo legava una profonda amicizia, il suo erede poetico, capace di opere intrise di “ribelle speranza”, è da sempre persona riservata, sensibile, quasi malinconica: la purezza della sua poesia – basti leggere la raccolta del 2011 Sanjut de stran - coincide con la quotidianità del suo parlare, la raffinatezza del suo pensiero, l'indissolubile legame con la sua terra. Liriche segnate da memoria e dolore, in cui la parola si fa espiazione di un antico malessere. E in cui la natura è invasa e offesa dalla modernità.

Marco Munaro, rodigino di Castelmassa, è poeta ed editore, fondatore, nel 2003, de “Il Ponte del Sale - Associazione per la Poesia”, che è anche una delle più prestigiose case editrici di settore. Per lui, comporre versi significa mescolare tutti i colori, accoglierli e custodirli in uno scrigno per poi traghettare le cose verso una nuova esistenza di redenzione. Munaro dice della sua arte: “scrivere è stato sempre per me come nuotare nelle acque di un fiume, ogni bracciata – ogni verso – un passo più vicino all’ignoto. (…) Un nuotare simile anche a un camminare con le braccia, e sempre a qualcosa di avventuroso e felice, che mi riportava a casa. Ora mi piacerebbe provare (…) a raggiungere luoghi ignoti e lontani. Forse è quello che ho incominciato a fare con i libri degli altri”.
Dire poesia 2013 è un progetto del Comune di Vicenza - Assessorato alla Cultura e Intesa Sanpaolo, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati e il Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e con L’Officina arte contemporanea di Vicenza, per la cura di Stefano Strazzabosco.

Luciano Cecchinel è nato a Revine-Lago nel 1947. Già insegnante di materie letterarie, ha pubblicato articoli e studi sulle tradizioni popolari e le raccolte di poesia Al tràgol jért (I.S.Co. 1988 – Scheiwiller, Milano 1999; con postfazione di Andrea Zanzotto), Lungo la traccia (Einaudi, Torino 2005), Perché ancora / Pourquoi encore (Istituto per la Storia della Resistenza di Vittorio Veneto 2005; con traduzione di Martin Rueff e note dello stesso Rueff e di Claude Mouchard), Le voci di Bardiaga (Il Ponte del Sale, Rovigo 2008) e Sanjut de stran (Marsilio, Venezia 2011; con prefazione di Cesare Segre). Nel 2012 presso Marsilio sono usciti a cura di Alessandro Scarsella col titolo La parola scoscesa – Poesia e paesaggi di Luciano Cecchinel gli atti di un convegno sui suoi scritti organizzato dall’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Marco Munaro è nato a Castelmassa nel 1960 e vive a Rovigo, dove insegna. Nel 2003 ha fondato “Il Ponte del Sale - Associazione per la Poesia”, che è anche una delle più prestigiose e coerenti case editrici del settore. Ha pubblicato le raccolte poetiche: L’urlo (El levante por el poniente Edizioni, Conegliano 1990), Cinque sassi (Edizioni della Cometa, Roma 1993), Il Rosario del Lido, in 5 Poeti del premio “Laura Nobile” Siena 1993 (Scheiwiller, Milano 1995), Il portico sonoro (Biblioteca Cominiana, Cittadella 1998), Vaso blu con narcisi (sculture e disegni di Silvia Carnevale Miino, I Quaderni del circolo degli Artisti, Faenza 2001), Ionio e altri mari (Il Ponte del Sale, 2003), Nel corpo vivo dell'aria (ibidem, 2009). È presente in numerose  antologie italiane e europee e in riviste quali “il verri”, “Atelier”, “ClanDestino”, “La Battana”, “La clessidra”, “Italian Poetry Review”; “Testo a fronte”, “Parnasso”. Sue poesie sono state tradotte in inglese e in finlandese. Ha tradotto Raymond Queneau (in Poeti surrealisti, a cura di P. Di Palmo, Stampa Alternativa, Viterbo 2004). Ha curato tutte le poesie di Bino Rebellato, In nessun posto e da per tutto. Poesie 1929-2004 e 20 disegni dell’Autore (Biblioteca Cominiana, Vigonza 2005) ed una originale galleria di ritratti: Il lampo della bocca e altre figurate parole tra poeti italiani del Novecento (con G. M. Tregiardini, MUP Editore, Parma 2005). Per il Ponte del Sale: La bella scola. La Comedia di Dante letta dai poeti e illustrata (2003-2011, tuttora in corso), Da Rimbaud a Rimbaud (2004) e la traduzione (con G. M. Tregiardini) del Canto d'api. Georgiche Libro quarto di Virgilio (2012). Dal 2007 cura la rassegna Verso il solstizio d'estate. Feste di Poesia, Musica e Arti, che tocca ogni anno varie località del Polesine. Inoltre, la rivista “Atelier” ha appena pubblicato un numero monografico dedicato interamente alla poesia di Munaro.

L’ingresso a tutti gli appuntamenti di Dire poesia è libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Per ogni appuntamento, l’artista Giovanni Turria de L’Officina Arte Contemporanea stamperà una plaquette numerata con un inedito dei poeti, da distribuire  gratuitamente al pubblico. 
Nei luoghi delle letture saranno inoltre disponibili i libri degli autori ospiti di Dire poesia.


Per informazioni:
Assessorato alla cultura del Comune di Vicenza tel. 0444.222101
Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari tel. 800.578875
Blog > http://direpoesia.wordpress.com/
www.comune.vicenza.it - www.palazzomontanari.com

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza