Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

05/04/2013

Valletta del Silenzio: tutti gli interventi per la valorizzazione dell'oasi

Dopo l'Oasi di Casale, il Wwf di Vicenza gestirà anche l'Oasi della Valletta del Silenzio e il bosco urbano del ponte del Quarelo. Lo ha annunciato nei giorni scorsi l'assessore al verde urbano Antonio Dalla Pozza proprio all'Oasi della Valletta del Silenzio, assieme al presidente del comitato Wwf di Casale A. Carta, Lorenzo Stefani.

Il Wwf Vicenza avrà quindi il compito di valorizzare le tre oasi che si trovano a sud della città, gestirle operativamente, sorvegliarle, monitorarle, organizzare visite guidate e sviluppare attività di fruizione. Secondo la convenzione che scadrà il 31 dicembre 2017, il comitato dovrà inoltre gestire i fondi raccolti e concessi, e utilizzarli per le attività promozionali, culturali e turistiche; e dovrà infine provvedere allo sfalcio dell'erba, alle potature e a mantenere in buon uso le attrezzature e gli arredi. Il contributo annuo da parte del Comune sarà di 40.500 euro.

La convenzione con il WWF consentirà comunque di proseguire anche la collaborazione con l'Unione delle Associazioni di Campedello, che fino ad oggi è stata preziosa "sentinella" dell'Oasi, e con l'associazione "Civiltà del Verde", che verranno coinvolte nel piano di gestione dell'ambito.

In settimana inoltre l'assessore Dalla Pozza ha dato l'avvio alla demolizione dell'edificio comunale in eternit installato negli anni '80 riutilizzando un modulo destinato ai terremotati del Friuli e diventato poi la sede della cooperativa Agriter. L'operazione, del costo di circa 25 mila euro, verrà completata entro due settimane.

Il nuovo edificio – che ha già ottenuto il parere favorevole dalla Soprintendenza – potrà essere punto di riferimento e di informazione per tutte le attività che si già si svolgono e che si prevede saranno sviluppate in futuro; sarà inserito in un percorso che va dall'Oasi della Valletta del Silenzio a Villa Guiccioli, con annessi orti didattici e laghetti di laminazione. Si tratterà di un edificio ecosostenibile e passivo, con struttura in legno, coppi fotovoltaici e sistema di drenaggio delle acque meteoriche del parcheggio e del tetto per il recupero dell'acqua piovana. È inoltre previsto un magazzino per attrezzi per l'attività legata agli orti e alla manutenzione esterna dell'area, un blocco wc esterno in modo che possa essere usato dai frequentatori del campo da calcio ed indipendentemente dall'apertura dell'edificio principale, nonché un wc interno, accessibile ai portatori di handicap. Gli altri locali saranno la reception e un ufficio, il piano del sottotetto a soppalco con sala per vari usi. Infine un locale interrato sarà destinato alla caldaia a cippato, al bollitore per solare, e al deposito per l'approvvigionamento. Le aperture saranno limitate per evitare facili effrazioni e le chiusure esterne saranno in legno basculante, in modo da essere ombreggianti quando aperte. All'esterno sarà realizzata una pedana in legno per le attività didattiche esterne, che sarà ombreggiata dalle chiusure ribaltate. Il riscaldamento sarà a pavimento con caldaia a biomassa che deriva dal cippato recuperato sul posto.

L'assessore infine ha fatto il punto sugli interventi naturalistici che, per un valore complessivo di 30 mila euro, partiranno in Valletta del Silenzio, non appena le condizioni meteorologiche lo consentiranno, e che sono previsti nel progetto del corridoio ecologico Berici-Bacchiglione-Tesina, finanziato dalla Fondazione Cariverona. Nel dettaglio, è previsto il diradamento di superficie boscata con l'eliminazione di piante morte e rimboschimento in continuità al Bosco di Villa Guiccioli presso la proprietà Golin, la sistemazione del laghetto naturale presente in prossimità della fontana di Monte Berico, la costituzione di un nuovo bosco planiziale in continuità all'esistente e la costituzione di un sistema di piantata veneta a tre filari all'azienda agricola Giralafoglia con utilizzo di pacciamatura biodegradabile, la pulizia e la sistemazione del laghetto dell'Oasi della Valletta del Silenzio attraverso la rimozione del materiale di intaso, il ripristino della continuità con la falda presente, la rinaturalizzazione delle sponde e, infine, l'inserimento della segnaletica di accompagnamento. Questi lavori completano l'intervento di consolidamento e di rinnovo della vegetazione dei versanti del colle Ambellicopoli, ossatura principale del progetto.

L'assessorato al verde urbano ha inoltre siglato un protocollo d'intesa del valore di 30 mila euro anche con i Servizi forestali regionali, i quali eseguiranno i lavori in delega sulle fasce boscate dell'ambito della Valletta del Silenzio, in linea con gli obiettivi ambientali della rete ecologica.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza