Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

12/10/2012

"Fedra. An Impression" di Jean Racine al Teatro Olimpico

Per il 65° Ciclo di Spettacoli Classici

Dopo Beatrice del Paradiso di Eimuntas Nekrosius, Antigone di Sofocle raccontata da Anita Caprioli e Medea di Emma Dante affidata all’attrice Elena Borgogni, nel calendario del 65° Ciclo di Spettacoli Classici, diretto da Eimuntas Nekrosius, è ora la volta di un’altra eroina tragica: Fedra seduttrice incestuosa nell’omonima tragedia di Jean Racine in un progetto di Tauras Cizas, con il supporto del grande regista lituano, in scena oggi e domani alle ore 21.00, al Teatro Olimpico.
Protagonista della messa in scena la giovane attrice pugliese Diletta Acquaviva, scoperta da Eimuntas Nekrosius in occasione di due laboratori tenuti in Italia tra il 2010 e il 2011; accanto a lei Anna Bellato nel ruolo della nutrice Enone, Gaetano Bruno nei panni di Teseo, re di Trezene e Alessandro Marini nel ruolo del figlio Ippolito.
Lo spettacolo è una coproduzione del 65° Ciclo di Spettacoli Classici al Teatro Olimpico, Vicenza e Aldo Miguel Grompone, Roma e si annuncia come un successo di pubblico, visto che entrambe le rappresentazioni di oggi e domani (ore 21.00) registrano quasi il tutto esaurito, pochi biglietti sono ancora disponibili.
Fedra è un mito che ha sempre riscosso forte attenzione nel pubblico perché, proprio a giudizio di Jean Racine, “essa possiede tutte la qualità che Aristotele esige dall'eroe tragico, e che sono adatte a suscitare la compassione e il terrore”. Ma lo spettacolo in scena all’Olimpico è anche una riflessione sulla creatività individuale dell’attore, essenza e linfa vitale del teatro. Come riportato nelle note di regia di Tauras Cizas “Il mito di Fedra è uno dei temi che più spesso tornano e ritornano, proprio perché ha il potere di ispirare una grande varietà di progetti artistici. La relazione tra Dio e l’essere mortale, tra il destino e la capacità umana di resistere alle ostilità soprannaturali, la tensione a creare la propria vita ed essere responsabili delle proprie azioni, sono problematiche attuali, fondamentali tanto per i pensatori antichi quanto per i moderni. Quanto l’uomo è capace di controllare e dominare le emozioni e le azioni? E, in generale, quanto ne vale la pena? È meglio vivere una vita di compromessi o è più nobile e giusto morire con la coscienza pulita? …… Fedra è un testo eccellente, con profondi monologhi filosofici e dialoghi vividi che danno l’opportunità agli attori di affrontare un lavoro interessante, risultato di un’analisi personale, capace di plasmare ruoli e personaggi e sviluppare l’interpretazione e le capacità verbali di chi è in scena. Come opera in sé, Fedra. An Impression, più che domande dirette, aprirà al pubblico questioni su cui riflettere”.
Ancora uno spettacolo di forte spessore nel 65°Ciclo degli Spettacoli Classici, il dramma dell’impronunciabilità della violenza e della colpa, tutto consumato nel passaggio dal silenzio alla parola, nel ruolo tragico e ambiguo della protagonista.
Tauras Cizas, che firma il progetto di spettacolo, attore e regista, lavora dal 2003 con il Teatro Studio Meno Fortas di Vilnius nel ruolo di assistente alla regia di Eimuntas Nekrosius. Nella sua carriera teatrale le sue partecipazioni più importanti sono state in Mozart e Salieri, Don Giovanni, Il festino durante la peste di Puskin nel ruolo di Don Carlos, Tre sorelle di Cechov nel ruolo Fedotik, ma soprattutto importante è stata la sua interpretazione di Afanasy Totsky nell’Idiota di Dostoevskij diretto, come nei primi due casi, da Eimuntas Nekrosius. Come attore ha preso parte a diversi film, in Lituania e all’estero.

Il 65° Ciclo di Spettacoli Classici al Teatro Olimpico, è promosso dal Comune di Vicenza, Assessorato alla Cultura in collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona, con il sostegno di Unicredit e di Trivellato spa e in collaborazione con Il Giornale di Vicenza per la Cultura.

Informazioni e prevendita biglietti

I biglietti per le altre rappresentazioni del 65° Ciclo di Spettacoli Classici sono in vendita alla biglietteria del Teatro Olimpico (Piazza Matteotti 3) la sera dello spettacolo (fino al 27 ottobre), dalle ore 19.00 alle 21.00 (orario di inizio degli spettacoli).

I biglietti sono inoltre in vendita alla biglietteria del Teatro Comunale di Vicenza (viale Mazzini 39 - tel. 0444.324442 - biglietteria@tcvi.it), aperta tutti i pomeriggi, dal martedì al sabato, dalle 15.30 alle 18.30, il martedì, mercoledì e giovedì è prevista anche l’apertura al mattino dalle 10.30 alle 13.00; sul sito del Teatro Comunale www.tcvi.it e in tutte le filiali della Banca Popolare di Vicenza.

Il prezzo dei biglietti per tutti gli spettacoli è di 28,00 euro (intero), 22,00 euro (ridotto over 60), 18,00 euro (ridotto under 30), mentre per la restituzione del workshop “Lettere a Lucilio” (20-21/10) è di 18,00 euro (prezzo unico).

Per ulteriori informazioni:
www.tcvi.it/nekrosius - infolimpico@tcvi.it

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza