Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

25/11/2011

Le opere di pittura del Novecento vicentino dalle collezioni dei Musei Civici riunite in una mostra a palazzo Chiericati

Sabato 26 novembre alle 17.30 verrà inaugurata al pianterreno di palazzo Chiericati la mostra “Novecento vicentino: opere di pittura dalle collezioni dei Musei Civici”, organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza, in collaborazione con la direzione dei Musei Civici, a cura di Stefania Portinari e grazie al sostegno della Fondazione Cariverona, per ritrovare le memorie e riscrivere le storie di alcuni dei nostri artisti del primo Novecento.

Aperta dal 27 novembre al 15 dicembre dalle 9 alle 17 (chiuso il lunedì), l’esposizione a ingresso libero offrirà al pubblico innumerevoli racconti paralleli, che intrecciano le biografie degli artisti di quel periodo rintracciando le loro opere per ricostruire le avversità e le chimere che si trovarono ad affrontare.

Lo stesso Neri Pozza si chiedeva, nell’incipit di un catalogo del 1967 che raccoglieva le donazioni ricevute dal museo nei vent’anni precedenti, dove fossero andate a finire, ad esempio, le pitture di Miro Gasparello o quelle di Angelo Pittarlin o di tanti maestri pressochè sconosciuti che hanno lavorato a lungo come docenti della Scuola di disegno e plastica dell’Accademia Olimpica, poi Scuola d’arte e mestieri, da Augusto Ortolani ad Aldo Benella ai vedutisti Luigi Chiovato e Guido Andrioli, e che a causa delle condizioni difficili e delle due guerre mondiali hanno spesso dovuto dedicarsi a commissioni di affreschi o restauri, vedute, ritratti.

Ricostruire nessi, amicizie, percorsi divergenti o paralleli, ricordare quanto fossero in realtà forti i legami tra coloro che diventano famosi, come Achille Beltrame e Ubaldo Oppi, e chi è rimasto in provincia, scoprire quali strategie adottano per promuoversi meglio e quali sono i rapporti con Venezia e Milano o qual è il ruolo di significative associazioni culturali come “Il Manipolo” che nei primi anni venti organizza mostre come la Mostra Nazionale d’Arte del 1920 nelle scuole ai giardini Salvi, cui partecipano artisti come Achille Funi, Arturo Martini, Teodoro Wolf Ferrari e Guido Marussig, Gaetano Previati e Adolfo Wildt è lo scopo di questa piccola mostra “di studio” che per ragioni di spazio circoscrive la disanima ai primi anni quaranta del novecento ed espone intanto solo una campionatura di opere significative per condurre il racconto attraverso alcuni motivi e personaggi topici che hanno scandito il periodo, mentre in catalogo viene effettuata la catalogazione di tutte le pitture di artisti vicentini conservate nelle collezioni di arte contemporanea del museo.

Dall’evocazione della bohème "tutta sogni e tutta festa” che si anima nello studio di Ascanio Chiericati e Romolo Tessari in una soffitta di contrà Muscheria, frequentata anche da Achille Beltrame, all’atelier di Miro Gasparello in contrà Mure Pallamaio, dove si ritrovano gli amici goliardi che, vestiti a festa, suonano la chitarra e bevono vino scuro, l’esposizione conduce attraverso un momento di raggianti illusioni che subito si infrangono nella tragica realtà della prima guerra mondiale, in cui cade lo stesso Gasparello, talentuoso autore di una pittura ariosa ed elegante, che dopo brevi avventurose sortite a Parigi e in Brasile morirà in prigionia di guerra. Il forte impatto del sindacato fascista è rievocato attraverso le sue figure principali, da Carlo Potente ad Antonio Dall’Amico, affascinati dapprima dalla maniera del primo periodo di Oppi, di ascendenze mitteleuropee e con suggestioni primitiviste, con figure secche e scabre, poi dalla sua svolta nello stile del gruppo di Novecento Italiano promosso da Margherita Sarfatti. Gli amici di Neri Pozza infine, da Otello De Maria a Italo Valenti a Maurizio Girotto, che emergono con lui proprio alle mostre sindacali della metà degli anni trenta, saranno il tramite per altre vicende del dopoguerra, che si uniscono con quelle di Licisco Magagnato, direttore del museo di Bassano del Grappa e poi di Castelvecchio a Verona, dove collabora con Carlo Scarpa per i noti restauri e sorprendentemente a palazzo Chiericati, grazie al lascito Neri Pozza, sono conservati due rari dipinti di entrambi.

Accanto al chiacchierato ritratto di Ida Vicentini realizzato nel 1912 da Gasparello, che secondo i concittadini che lo vedono esposto in una vetrina in corso Palladio mostra una porzione di caviglia troppo osè, e alle figure austere, ieratiche e spirituali, dai visi stilizzati, di quella sorta di "scuola vicentina" che negli anni venti apparenta Potente, lo scultore Zanetti, Pierangelo Stefani c’è anche tutta un’altra storia frammentaria e solitaria da ricostruire – scrive Stefania Portinari in catalogo - quella delle donne pittrici, da Ines Cola Zocca a Ina Barbieri, ancora troppo condizionate dal ruolo subalterno per poter entrare appieno nel sistema dell’arte, malgrado la grande passione. L’esposizione è anche un’occasione per scoprire come queste opere contemporanee sono giunte al museo, grazie a quali donatori o a quali vicende hanno trovato salvaguardia presso l’ente museale che ne conserva e tramanda la memoria, nell’intento di valorizzare anche il gesto di Neri Pozza che, come scrive Giuseppe Mazzariol in occasione del suo lascito, era “un progetto che andava oltre la sua stessa vita e investiva la città tanto amata e il suo museo”.

Per informazioni: assessorato alla Cultura 0444 222122 – uffmostre@comune.vicenza.it; museo civico palazzo Chiericati 0444 222811 – museocivico@comune.vicenza.it

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza