Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

05/05/2011

Una stele commemorativa dedicata a Virgilio Scapin, scrittore e libraio, verra' scoperta venerdi' 6 maggio in contra' Do Rode

Una stele dedicata a Virgilio Scapin verrà scoperta venerdì 6 maggio alle 18 in contrà Do Rode 29 per commemorare l’illustre cittadino, scrittore e libraio, e per sottolineare quanto la Libreria Due Ruote, dove il manufatto verrà collocato, sia stata, tra gli anni 1962 e 2002, un luogo di cultura.
La stele è in marmo bianco greco, misura 126 centimetri di lunghezza e 76 di larghezza per un peso complessivo di oltre 150 chilogrammi. E’ stata realizzata dalla ditta Masiero di Chiampo, la stessa che ha creato il monumento alle foibe e all’esodo collocato al Cimitero maggiore.
In alto è collocato un bronzo di Nereo Quagliato del 1971, donato dallo stesso autore, che riproduce il ritratto di Virgilio Scapin, seguita da un’iscrizione composta da Sergio Perosa: “Qui nella Libreria Due Ruote, dal 1962 al 2002, fece casa e bottega d’arte, incontro di amici e di scrittori, Virgilio Scapin, autore di rara e radicata vicentinità, 1932-2006. Il Comune di Vicenza 2011”.
Sergio Perosa, professore emerito di letteratura anglo-americana dell’Università di Venezia che condivise con Virgilio Scapin gli studi a Ca’ Foscari, abitando nella stessa camera a Venezia. Entrambi, tra l’altro, usufruirono di una borsa di studio a Roma e soggiornarono insieme in Inghilterra tanto da far dire a Fernando Bandini che la storia del loro sodalizio “sarebbe materia da romanzo”.
L’immagine raffigurata nella lapide, donata dall’autore Nereo Quagliato, è tratta da una versione originaria in terracotta che fu molto cara allo scrittore e libraio, conservata in quelle che furono le sue abitazioni, in contrà S. Antonio e in viale Verdi.
Del resto Nereo Quagliato è sempre stato generoso con Vicenza, la sua città. Questa donazione, infatti, segue quella della quinta stazione della Via Crucis per il monumento delle foibe e all’esodo inaugurato quest’anno in occasione del Giorno del ricordo.

 Dopo lo scoprimento della stele alla quale presenzieranno in qualità di madrine le figlie di Scapin,  Alessandra e Giovanna, ci si recherà a palazzo Trissino dove è previsto un incontro per commemorare la figura dell’illustre vicentino. All’appuntamento parteciperanno il sindaco Achille Variati, Sergio Perosa, professore emerito di letteratura anglo-americana dell’Università di Venezia, compagno di studi di Scapin e Walter Stefani, memorialista vicentino, amico di lunga data dell’illustre vicentino e priore della Confraternita del baccalà, carica precedentemente ricoperta proprio da Scapin. Il consigliere comunale Pio Serafin illustrerà la composizione della stele e il suo significato.

Alla cerimonia saranno presenti anche i membri della confraternita del baccalà.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza