Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

Navigazione

Area Stampa

Notizie quotidiane sull’attività del Comune

21/04/2011

Attraversamenti pedonali: rifatte 900 zebre su 1200. Usato anche il colato plastico, piu' resistente della vernice tradizionale

Sono state tutte “mappate” le circa 1200 strisce pedonali della città. Di queste circa 900 sono state completamente “ripassate”, mentre parte delle 300 che mancano lo saranno nelle prossime settimane, fatta eccezione per quelle delle strade dove sono imminenti lavori di scavo o nuove asfaltature e quelle che non sono ammalorate. Lo ha comunicato al sindaco Aim Valore Città che tra marzo e la prima metà di aprile ha prima mappato e poi rifatto gli attraversamenti più rovinati, con la collaborazione di “terzisti” arruolati per velocizzare l’operazione.
I lavori, per un costo complessivo di 140 mila euro, sono stati eseguiti soprattutto di notte, soluzione che, a parità di costo, consente ritmi di lavoro più rapidi e impatta meno sulla viabilità cittadina. 

 Ai pedoni che non attraversano sulle strisce pedonali o che non rispettano il codice della strada verrà applicata una sanzione di 24 euro: nel 2011 è stata rilevata una sanzione ad un pedone. Sono stati, inoltre, sanzionati due ciclisti che circolavano con una bicicletta senza dispositivi di segnalazione visiva.
Gli automobilisti che non danno la precedenza al pedone in fase di attraversamento sono sanzionabili con una multa di 154 euro e la decurtazione di 4 punti dalla patente: nel 2011 sono stati registrati 21 verbali di questa casistica. In particolare all’inizio dell’anno i controlli in prossimità dei passaggi pedonali sono stati effettuati da 15 pattuglie in gennaio e 52 in febbraio. Le strade, invece, che risultano più pericolose per i pedoni sono via Fratelli Bandiera, via Rodolfi, viale Milano e viale della Pace in prossimità della Stanga. 
L’attività di monitoraggio che ha preceduto i lavori è servita per costituire una nuova anagrafica degli attraversamenti di cui sono state schedate dimensioni, tipologia, presenza di segnaletica verticale ed eventuali barriere architettoniche. Il territorio comunale è stato suddiviso in 14 zone dove ha operato una trentina di addetti per il rilevamento “sul campo”. Due persone si sono occupate di organizzare i dati ed imputarli nel sistema.
E’ quindi scattata l’attività di “ripasso” degli attraversamenti che ha seguito le principali direttrici di penetrazione della città, dalla periferia verso il centro. Sono state completate dapprima le strade principali, per poi intervenire all’interno dei quartieri.
A est, sono state controllate e rifatte le zebre più ammalorate a partire dalle zone di contrà Cà Balbi e strada Padana Superiore verso Padova; a sud quelle della Riviera Berica; a nord est quella della zona della strada Postumia; a nord gli attraversamenti della Marosticana; a ovest quelle dei quartieri che gravitano sulla strada Padana Superiore verso Verona; a sud ovest la zona di viale Sant’Agostino
Gli ultimi quartieri ad essere interessati da questi interventi saranno, in questi giorni, quelli del centro storico.
Oltre alla vernice bianca classica con la quale è realizzata gran parte degli attraversamenti, è stato utilizzato anche il colato plastico bianco o bianco e rosso. Questo materiale è nettamente più costoso delle normali vernici acriliche (costa circa 6 volte di più), ma garantisce maggiori resistenza, durata e visibilità. Questa tecnologia è stata utilizzata, in particolare, in piazza Matteotti, in viale Giuriolo, in viale Crispi e in via Quadri all’incrocio con corso Padova.
Alla rotatoria di piazza Matteotti è stata rifatta la segnaletica della pista ciclabile e degli attraversamenti utilizzando, appunto, il colato plastico rosso. Sempre con colato plastico sono state ricoperte le due strisce pedonali di viale Giuriolo, compresi i rallentatori ottici, cioè le righe poste in anticipo e orizzontalmente rispetto agli attraversamenti veri e propri.

In piazza Matteotti i lavori in rotatoria sono stati eseguiti durante le notti di martedì e giovedì scorsi per creare meno problemi alla circolazione stradale.
Ovviamente questo, in generale, comporta una spesa superiore del 30%, compensata da una maggiore rapidità di avanzamento del cantiere. Non è possibile, tuttavia, lavorare sempre in orario notturno. E’ importante infatti che si realizzino interventi non rumorosi, e questo è il caso delle strisce pedonali.

Analogo lavoro è stato realizzato sulla rotatoria di viale Crispi e sui sei passaggi pedonali dell’ampia arteria stradale, dove è stato steso colato plastico bianco.
Altro snodo importante e delicato per gli attraversamenti pedonali è il crocevia di corso Padova ai piedi del cavalcavia. Giovedì notte, sul lato su cui si innesta via Quadri, è stata completamente rifatta la segnaletica orizzontale, anche qui con colato plastico bianco mentre, sempre in zona, nelle scorse settimane erano già state ripassate tutte le strisce pedonali.
Accanto a questi interventi radicali, sono proseguiti gli interventi di ordinaria manutenzione con la vernice acrilica su molte altre strade come via Cairoli, via dei Mille, viale Framarin, viale Mazzini, contrà del Quartiere, contrà Busato, contrà Corpus Domini. Ad Araceli si è lavorato in via Riello, Massaria e Turra; in zona ovest su viale santi Felice e Fortunato, viale san Lazzaro, viale Verona e lungo tutto viale D’Alviano.

Come valuti questa pagina?

Mappa del sito

Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza