Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

14/04/2011

Gusti astrali" chiude con "Enmirc": in scena Fagarazzi e Zuffellato. Allo spazio AB23 la mostra Bite.here.now

Rolling Stone li ha definiti “la coppia performativa più cool del panorama della live art italiana”; Renato Palazzi ha scritto di loro che “irrompono sulla scena nazionale con una personalità sorprendente e un'estrema consapevolezza della direzione intrapresa”: Andrea Fagarazzi e I-Chen Zuffellato, già molto presenti nei circuiti internazionali, arrivano dal 14 al 17 aprile a Vicenza con un programma artistico e spettacolare che chiude la Stagione Gusti Astrali 2010-2011.
I due performer, vicentino lui, di origine taiwanese lei, proporranno sul palco del Teatro Astra l’acclamatissimo “ENIMIRCvenerdì 15 e sabato 16 aprile (ore 21). Lo spettacolo è a numero limitato (200 spettatori per replica); si consiglia vivamente la prenotazione.

Questa sera, giovedì 14 aprile, inoltre, nello spazio AB23 - Chiesa dei Santi Ambrogio e Bellino avrà luogo alle 19.30 il vernissage di “BITE.HERE.NOW”, l’esposizione di fotografie e videoinstallazioni realizzate da Fagarazzi & Zuffellato, che sarà visitabile fino al 17 aprile e che costituisce un ulteriore tassello del percorso di approfondimento Theatre Sharing, a latere della Stagione Gusti Astrali.  L’inaugurazione sarà arricchita dall’incontro tra gli artisti e Stefania Portinari, storico dell’arte e coordinatore delle attività espositive per l’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza. L’esposizione sarà visitabile da venerdì a domenica dalle 16 alle 19.30, domenica anche dalle 10.30 alle 13. L’ingresso è libero.

Andrea Fagarazzi e I-Chen Zuffellato collaborano dal 2005. I loro progetti esplorano i concetti corporei utilizzando diversi linguaggi espressivi, come la performance e l’arte visiva. Dopo il terzo premio a EXTRA – segnali dalla nuova scena italiana 2007-08 con “Io Lusso”, “ENIMIRC” prosegue ora un processo di ricerca partendo da una domanda volutamente provocatoria: “Può l’arte commettere un crimine?”

ENIMIRC” mette in discussione, in bilico, il rapporto e i ruoli di performer e di spettatore, a partire da una collaborazione attiva proprio tra pubblico e performer. “Lo spettacolo non è un percorso sensoriale - spiegano Fagarazzi & Zuffellato - ma potrebbe succedere di venire bendati e invitati dagli assistenti, con precise indicazioni, ad eseguire delle piccole azioni, segni drammaturgici prestabiliti, in un rapporto di fiducia in cui si viene assistiti con cura e attenzione”.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza