Nella pagina: Contenuto, Navigazione contestuale, Mappa del sito

Città di Vicenza

Città patrimonio UNESCO

Motore di ricerca

 

07/04/2011

Da aprile raccolta “porta a porta” del rifiuto non riciclabile anche a Ca’ Balbi e a Settecà per aumentare la differenziata e contrastare i conferimenti abusivi

Dopo la positiva sperimentazione condotta in ampie zone di Ospedaletto e Anconetta, per un totale di circa 1600 utenze, Vicenza sceglie la raccolta “porta a porta” del rifiuto non riciclabile per l’intero anello esterno del territorio comunale e per i quartieri periferici.

Questa importante riorganizzazione della raccolta dei rifiuti domestici riguarderà a regime 12 mila utenze, con l’obiettivo di aumentare la percentuale di raccolta differenziata e, di conseguenza, contenere il costo del servizio, oltre che contrastare il conferimento abusivo di rifiuti da parte di cittadini che non risiedono a Vicenza.

La riorganizzazione generale parte dalle zone di Ca’ Balbi e Settecà dove dal 21 aprile saranno rimossi i cassonetti stradali e sostituiti con un contenitore personale color grigio antracite che sarà consegnato a circa 1300 utenze. Entro l’anno il “porta a porta” sarà progressivamente introdotto anche a Casale, in Riviera Berica, a Laghetto, a Sant’Antonino, nella zona della strada Marosticana e di strada Pasubio, alle Cattane, in Gogna e a Sant’Agostino. Nei prossimi mesi, inoltre, a partire da una sperimentazione che riguarderà un solo quartiere, per le zone molto abitate a ridosso del centro storico il cassonetto grigio dell’indifferenziato, opportunamente sigillato, diventerà “cassonetto di prossimità” e si aprirà solo attraverso un badge assegnato ad ogni utenza.

Contemporaneamente, in tutte le zone interessate dal nuovo sistema “porta a porta”, sarà potenziata la raccolta differenziata di organico, verde, vetro, carta e imballaggi in plastica e metallo, con l’introduzione di nuove campane.

Per dar corso all’iniziativa nel modo più efficace possibile tutti i cittadini interessati hanno ricevuto una lettera che illustra le modalità del nuovo sistema di raccolta stampata non solo in italiano, ma anche in inglese, serbo-croato e arabo, per risultare comprensibile anche ai molti nuovi residenti stranieri. Contemporaneamente sono stati diffusi in tutta la città oltre 10 mila pieghevoli che spiegano in modo semplice e sintetico come differenziare correttamente i rifiuti e rilanciano, tra gli altri servizi, quello gratuito per la raccolta degli ingombranti a domicilio, nella speranza di ridurre ulteriormente l’abbandono abusivo a fianco dei cassonetti.

Quello dei controlli sul corretto conferimento, del resto, è un punto fermo nell’azione dell’amministrazione e di Aim: i controlli di polizia locale, tecnici di Valore ambiente e del settore ambiente proseguono costantemente e sono soprattutto finalizzati a contrastare il conferimento nei cassonetti cittadini da parte di persone che non risiedono a Vicenza. A questo proposito l'amministrazione  invita tutti i cittadini non solo a essere ligi nel differenziare per ridurre la quantità di rifiuti non riciclabili, ma anche a segnalare situazioni di utilizzo abusivo, oltre che qualsiasi altra indicazione utile a ottimizzare il servizio.

Ritornando al “porta a porta” in arrivo a Ca’ Balbi e a Settecà, nei giorni 7, 8, 9 e 14, 15, 16 aprile addetti di Valore Ambiente di AIM dotati di tesserino di riconoscimento consegneranno a domicilio gratuitamente a tutti gli utenti il contenitore domestico per il rifiuto non riciclabile, dotato di microchip. Nel caso in cui non ci fosse nessuno in casa, sarà lasciato un avviso dettagliato con indirizzi e numeri di telefono di Valore Ambiente per concordare le modalità di consegna. In alternativa, chi avrà ricevuto l’avviso potrà ritirare il proprio contenitore al punto informativo che sarà allestito di fronte alla chiesa di Bertesinella il 16 aprile dalle 8 alle 13, in concomitanza con il mercato rionale di via Rossa. In quell’occasione, tecnici e operatori di Valore Ambiente illustreranno il nuovo tipo di servizio e saranno a disposizione per chiarire dubbi e rispondere a domande.

Nel bidoncino andranno messi solo i rifiuti non differenziabili come carta sporca mista a plastica, cassette audio e video, pannolini e assorbenti, polveri dell’aspirapolvere, piccoli cocci in ceramica e porcellana, calze in nylon, lampadine, piatti, bicchieri e posate in plastica. Tutto il resto dovrà essere conferito nelle campane dei materiali riciclabili.

Una volta pieno il bidoncino domestico sarà raccolto dagli operatori in un giorno preciso della settimana: quelli distribuiti a metà aprile tra Ca’ Balbi e Settecà, ad esempio, saranno svuotati il giovedì. Per consentire questa operazione l’utente dovrà posizionare il contenitore all’esterno della proprietà la sera prima o, al massimo, entro le 6 del mattino indicato, avendo cura di ritirarlo appena possibile.

Per informazioni: Valore Ambiente di Aim, tel 0444/394012, da lunedì a sabato, dalle 8 alle 17.

Come valuti questa pagina?


Realizzazione tecnica e management a cura della Direzione Sistemi Informatici Telematici S.I.T. e Statistica del Comune di Vicenza,
Comune di Vicenza - Corso A. Palladio 98 - tel. 0444 221111 - Supporto Tecnico a cura di Forma Srl: siti web, internet a Vicenza